sabato 1 marzo 2008

Albert Einstein

IL NOVECENTO SI CHIAMA EINSTEIN


Nel 1955 tutte le Università e gli Istituti Tecnici del mondo avevano preparato una solenne celebrazione del cinquantenario della teoria della relatività di Einstein, ma al grande scienziato non fu dato di poter assistere a questo trionfo della sua opera di ricercatore. E’ fatto estremamente singolare che, nella nostra epoca caratterizzata proprio da un impetuoso avanzare del pensiero scientifico e da un continuo evolversi e perfezionarsi delle teorie, le venti pagine pubblicate da Einstein nel 1905 costituiscano ancora un’opera scientifica di insuperato valore, e sempre feconda di importantissime conseguenze.
Non è facile dire in breve quale sia stata l’enorme importanza e il preciso significato delle idee espresse in questa memoria, poiché in essa non viene annunciata la scoperta di una particolare legge della natura, ma piuttosto viene enunciata una nuova e originale visione generale dei fatti fisici. Per rendersi conto del valore rivoluzionario dei nuovi punti di vista enunciati da Einstein, occorrerebbe rifare la storia della fisica da Newton in poi. Seguendo i formidabili sviluppi della teoria newtoniana si giungerebbe così alla fine dell’800, allorché un numero sempre crescente di fatti non poté più essere spiegato nell’ambito di quel pur gigantesco patrimonio di conoscenze, che la teoria di Newton aveva prodotto in tre secoli
Queste insufficienze della teoria, da tutti considerata fino allora come quella che aveva colto gli elementi essenziali del modo di essere delle cose, avevano condotto i ricercatori scientifici ad uno stato di crisi e di sfiducia. Tale situazione spesso si manifestava perfino in una esplicita dichiarazione di rinuncia a riconoscere l’inesauribile capacità della scienza di indagare ed interpretare i fenomeni naturali.
L’opera di revisione iniziata da Einstein si diparte, da un lato, dall’accettazione del risultato della celebre esperienza di Michelson (che aveva messo in evidenza che un raggio di luce si muove rispetto ad un osservatore con la stessa velocità, sia che venga emesso da una sorgente fissa, sia che venga emesso da una sorgente in movimento), dall’altro dall’assunzione che le leggi secondo le quali avvengono i fenomeni fisici non dipendono dalle particolari condizioni di moto relativo dell’osservatore che studia questi fenomeni. La genialità di Einstein si manifesta non solo attraverso la felice scelta delle sue affermazioni di partenza, ma ancor più attraverso la potenza di pensiero con la quale su questi semplici postulati ha saputo costruire, con mirabile coerenza logica, un formidabile edificio scientifico, che contiene in sé, e supera, tutta la teoria newtoniana, togliendo le contraddizioni che si erano manifestate tra questa teoria e i fatti sperimentali.
La mente di Einstein è stata veramente fertilissima e la sua opera di scienziato non si è limitata a fondare e sviluppare in maniera sempre più generale la teoria della relatività, perseguendo fino agli ultimi giorni della sua vita l’affascinante sogno di creare una teoria che riuscisse a dare una spiegazione unitaria di tutti i fatti conosciuti.
La sua produzione in altri campi della scienza sarebbe stata di per sé tale da essere sufficiente a dare fama al suo nome, ma viene di solito considerata come un’attività minore, perché vista in confronto con la sua teoria della relatività. Basti pensare allo studio sui moti browniani, che ha posto la parola fine alla grande polemica fra gli atomisti e coloro che, ancora nel primo decennio del Novecento, negavano l’esistenza degli atomi. I lavori di Einstein a questo riguardo sono considerati la prima vera prova dell’esistenza degli atomi. Anche di enorme importanza è stata la sua teoria dell’effetto fotoelettrico, in seguito alla quale l’ipotesi dei “quanti”, enunciata da Plance e che sembrava non essere altro che un felice artificio matematico, apparve essere indiscutibilmente una concreta legge della natura.
Questi esempi sono sufficienti per mostrare come, anche a prescindere dalla teoria della relatività, non c’è capitolo della fisica moderna che non annoveri fra i suoi fondatori, o fra coloro che vi hanno apportato un contributo essenziale, il grande scienziato tedesco.

Albert Einstein nacque a Ulma, in Baviera, il 14 marzo 1878; il padre era proprietario di una piccola industria elettromeccanica la cui direzione tecnica era affidata ad uno zio ingegnere, che iniziò il giovane Albert al gusto dei problemi tecnici e scientifici. La piccola industria paterna non ebbe buona fortuna e dovette essere chiusa quando Einstein aveva quindici anni.
In seguito alle difficoltà economiche, ed ancor più a causa della sua insofferenza per i sistemi di insegnamento praticati nei ginnasi tedeschi, Einstein non completò gli studi medi e solo dopo un certo numero di traversie riuscì ad ottenere la licenza in una scuola svizzera e fu così ammesso al Politecnico di Zurigo. Fino ai suoi studi universitari Einstein, a parte una spiccata predilezione per le scienze, non manifestò mai quell’eccezionale talento che fece di lui uno dei più grandi scienziati che siano mai esistiti. Compì con ottimo successo i suoi studi nel 1900, ma sebbene in questo periodo le sue eccezionali qualità avessero cominciato a rivelarsi, non riuscì ad ottenere un posto di assistente al Politecnico. Spinto dalle necessità economiche, fu allora costretto ad accettare un posto d supplente nella scuola tecnica di Winterthur, ma dopo pochi mesi era di nuovo disoccupato. Attraverso un’inserzione di giornale trovò un posto di maestro presso una pensione per studenti, ma anche qui le sue qualità didattiche furono così poco apprezzate, che venne poco dopo licenziato.
Finalmente, in seguito ad una raccomandazione di un compagno di studi, riuscì ad ottenere un posto presso l’ufficio brevetti di Berna. Raggiunta una relativa tranquillità economica, egli poté riprendere con più serenità il suo lavoro di ricercatore; il breve periodo trascorso presso questo ufficio può forse considerarsi come il più fecondo di tutta la sua vita. L’attività che ivi svolse lasciò in lui una traccia ben riconoscibile dell’interesse che egli sempre mantenne per la progettazione non solo di audaci esperienze, ma anche di piccoli ritrovati tecnici. La sua formazione avvenne dunque essenzialmente al di fuori degli ambienti accademici e senza dubbio ciò contribuì ad originare quella sua particolare spregiudicatezza e quel suo atteggiamento di insofferenza per le tradizioni accademiche.
Il gruppo di lavori pubblicato da Einstein nell’anno 1905 fu sufficiente a creargli una grandissima fama internazionale, che lo condusse, attraverso varie cattedre universitarie, al Kaiser Wilhelm Insitut di Berlino dove rimase fino al 1933, anno in cui i nazisti, saliti al potere, iniziarono una accanita opera di epurazione nelle università. Da allora Einstein, ebreo, pacifista ed antifascista venne considerato dal governo tedesco come un nemico; le sue teorie furono additate come false e sovversive. Il suo nemico più spietato fu il fisico tedesco Lenhard, fondatore della “fisica nazista”, il quale, per strana coincidenza, aveva, con i suoi lavori sull’effetto fotoelettrico compiuti nel 102, dato spunto ad uno dei più importanti lavori di Einstein. A partire dal 1933 Einstein si stabilì in America e vi rimase fino alla morte.
Gli uomini dell’avvenire ricorderanno Einstein come uno dei più grandi geni che siano mai esistiti e il suo contributo allo sviluppo delle conoscenze umane non sarà mai dimenticato; ma per noi egli rappresenta anche qualcosa di più: un esempio di coraggio, di attaccamento agli ideali più puri della libertà e della dignità umana. Egli ha mostrato come un grande scienziato non possa trovare solo nella potenza del suo ingegno soddisfazioni bastanti per la vita, ma come invece debba essere presente, con tutta l’autorità che gli deriva da un grande prestigio scientifico, in quelle lotte in cui è in gioco la salvaguardia dei principali valori umani.
La lotta condotta durante tutta la sua vita contro il fascismo ed ogni altro tentativo di limitare le libertà umane, la sua instancabile attività in difesa della pace, la sua energica presa di posizione nel tentativo di salvare dalla morte i coniugi Rosemberg, non potranno mai essere dimenticati.
I ricercatori scientifici italiani non potranno dimenticare il messaggio da lui inviato nel 1950 al Congresso della Società Italiana per il Progresso delle Scienze; in esso egli rivendicava con preoccupate parole la dignità e la responsabilità umana dell’uomo di scienza, che in quel tempo erano più che mai minacciate da oligarchie economiche e politiche che non si peritavano di sfruttare la sua opera per fini incivili e disumani.
Albert Einstein morì a Princeton il 18 aprile 1955.



4 commenti:

Raggio di sole ha detto...

Un grande scienziato......il grande per eccellenza .....bravo Loris , gli hai dedicato una bella pagina..... , ciao , buon fine settimana..........

lucestelle ha detto...

Che uomo eccezionale, originale e estroverso per certi versi...ma io ho avuto la fortuna di conoscerne uno in carne ed ossa anche se solo virtualmente mandi mandi

Caramon ha detto...

grande einstein!Il mio mito!Buon fine settimana anche a te!ciaoo!

Ondamagis ha detto...

Einstein? Uno dei più grandi geni della storia e del 900 (non dimentichiamo Freud, Croce, Montalcini ecc.) Mandini

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)