lunedì 16 giugno 2008

AMOR SACRO E AMOR PROFANO (Sacred and Profane Love) - Tiziano

AMOR SACRO E AMOR PROFANO (1415 circa)
Tiziano Vecellio (1790 circa -1576)
Galleria Borghese - Roma
Tela cm. 118 x 279 (Particolare)


In una composizione dove l'armonia e l'equilibrio di derivazione classica creano un connubio con la materia colorata, calda e dorata della pittura veneta, risaltano due splendide figure di donna, una vestita e una nuda, sedute sul bordo di un sarcofago antico.
Al centro, un piccolo Cupido con le ali immerge una mano in questa sorta di vasca.
Circonda l'immagine un incantevole paesaggio che rappresenta zone del Cadore dove il pittore è nato.
Eccezionale è l'accordo dei colori intensi e vibranti sia nel paesaggio che nei personaggi. La resa materia delle vesti (si veda il drappo rosso della donna nuda di destra), delle carni, delle sculture del sarcofago, e di quel brano di natura morta sul bordo di esso, rivelano il ruolo fondamentale del colore che costituisce la struttura stesa del dipinto.

Il quadro è una delle opere più famose della fase in cui Tiziano (1515 circa), richiamandosi all'arte di Giorgione, adotta complessi soggetti, il cui senso era comprensibile solo a pochi intellettuali.
Il dipinto della Galleria Borghese infatti riprende il SOGNO DI POLIFILO scritto in latino da Francesco Colonna e stampato a Venezia nel 1499: in sogno la bella Polia viene indotta da Venere a cedere all'amore di Polifilo. La vivace e tenera psicologia dei putti affascinò particolarmente Tiziano come dimostra anche l'OFFERTA A VENERE del 1518-1519 che si trova al Prado, un dipinto accostabile per molti aspetti all'AMOR SACRO E AMOR PROFANO.
   

   
Tiziano Vecellio realizzò l'opera intorno al 1515 per Niccolò Aurelio, segretario del Consiglio dei Dieci a Venezia, ricordato nello stemma rappresentato nel sarcofago. Acquistata nel 1608 da Scipione Borghese dal cardinale Sfrondato, è citata per la prima volta con l'attuale titolo negli inventari della collezione romana del 1702.
Nel 1902 lo Stato italiano acquisì l'intera collezione anche se il principe Borghese tentò, senza successo, di trattenere il celebre quadro.



VEDI ANCHE ...

TIZIANO VECELLIO - Vita e opere

CONCERTO CAMPESTRE - Tiziano Vecellio... o Giorgione?

ASSUNTA - Tiziano Vecellio

FLORA - Tiziano Vecellio

AMOR SACRO E AMOR PROFANO - Tiziano Vecellio

MADONNA FRA I SANTI ANTONIO E ROCCO - Tiziano Vecellio

L’UOMO DAL GUANTO – Tiziano Vecellio

LA MADDALENA (1530-1535) - Tiziano Vecellio

VENERE D’URBINO (1537-1538) - Tiziano Vecellio

SAN SEBASTIANO (1570 circa) - Tiziano Vecellio

PAPA PAOLO III FARNESE CON I NIPOTI - Tiziano Vecellio (Prima versione)

PAPA PAOLO III FARNESE CON I NIPOTI - Tiziano Vecellio (Seconda versione)

RITRATTO DI PIETRO ARETINO (1545) - Tiziano Vecellio

PRESENTAZIONE DELLA VERGINE AL TEMPIO (1534 - 1538) - Tiziano Vecellio

DANAE - Tiziano Vecellio



UN CANTO DI NATALE (A Christmas Carol) - Charles Dickens




UN CANTO DI NATALE (1843)
A CHRISTMAS CAROL
Charles Dickens (1812-1870)



E' la storia di un vecchio avaro, Ebenezer Scrooge, che passa i suoi giorni in un oscuro ufficio di cambio della city con un suo impiegato, Bob Cratchit, un povero diavolo, ammogliato e con parecchi figli, a cui Scrooge non concede nulla più che il tenue salario di quindici scellini la settimana. Scrooge è tutto chiuso nel suo egoismo, senza affetti, solo. Nella sua giovinezza amò una donna, ma poi l'abbandonò per inseguire il suo sogno di ricchezza.
L'ha raggiunta, la ricchezza, ed ha anche avuto una fortuna inaspettata: un suo antico socio, il vecchio Marley, avaro come lui, lo ha lasciato unico erede dei suoi beni. Ma Scrooge non ha mutato animo, è rimasto triste e scontroso, nemico della gioia; non solo, odia la gioia negli altri e non vorrebbe permettere a nessuno di star allegro.
E' la vigilia di Natale. Nevica. Tutti si preparano con gioia a celebrare le festa del giorno seguente. Un nipote di Scrooge, a cui questi non sa perdonare di aver preso moglie, viene per augurare buon Natale allo zio, ma Scrooge lo accoglie in malo modo e gli ripete una domanda abituale...
"Che diritto avete di stare allegri?"
Non accoglie molto meglio due signori che vengono da lui per la sottoscrizione a beneficio dei poveri. Poi se la prende con Bob Cratchit, che con quindici scellini la settimana ha la pretesa di festeggiare il Natale.

Ma la sera, quando Scrooge rientra in casa, vede nel martello della porta la faccia del defunto socio, la faccia del vecchio Marley. Lo spettro di Marley entra nella sua stanza, si siede davanti a lui e gli narra le sue pene: per essere stato sempre chiuso nel suo egoismo, per non aver pensato che a sé, è ora condannato a peregrinare per il mondo senza un momento di tregua, trascinando una pesante catena. Vuol salvare Scrooge dal pericolo che lo minaccia di una pena uguale, poiché Scrooge continua a vivere come visse il povero Marley. E annunzia all'amico che nella notte tre spettri verranno a visitarlo, l'uno dopo l'altro, per insegnarli la via della salvezza. Poi se ne và.
Scrooge, alquanto impaurito, si corica e i tre spettri gli appaiono, l'uno dopo l'altro.
Il primo è lo spettro del passato. Comanda a Scrooge di alzarsi e di seguirlo. E lo conduce a rivedere i luoghi in cui il vecchio avaro passò i suoi primi anni, la bottega dove fu apprendista, la fanciulla che amò e che poi abbandonò.
Il secondo è lo spettro del presente e conduce Scrooge a vedere come si festeggia il Natale per le vie e nelle case di Londra, nella povera casa di Bob Cratchit, in una capanna solitaria dove vivono i minatori, sulle navi lontane che solcano gli oceani, e nella casa di suo nipote, piena di allegri suoni e di risa, dove si ride anche di lui, Scrooge.
Il terzo spettro, lo spettro del futuro, lo conduce a vedere quale sarà la sua fine se non si correggerà, a udire i discorsi pieni di cinica indifferenza che gli uomini d'affari della city terranno all'annuncio della sua morte, a vedere lo strazio che dei suoi beni sarà fatto nella casa deserta appena sarà spirato, l'abbandono in cui sarà lasciato il suo corpo, il conforto che la notizia della sua fine recherà ai debitori, il lutto che porterà nella casa di Bob Cratchit la scomparsa della dolce anima di Tiny Tim, il piccolo sciancato figlio di Bob.
Scrooge è commosso, vuole fare ammenda dei suoi peccati se ancora gli resta il tempo.
Apre gli occhi, e con infinita sua meraviglia vede che la sua casa è ancora com'era: non sono trascorse che poche ore da quando si coricò. Apre la finestra: è Natale! Una grande gioia invade finalmente il suo cuore: è ancora in tempo a fare il bene che non fece nel passato, a evitare il triste futuro di cui ha avuto la visione. E da quelle sue labbra, indurite in un'espressione d'ira e di sarcasmo, esce finalmente un'ondata di riso.
Scrooge è felice; si sente giovane, bambino. Tutti i visi gli sembrano pieni di bontà e di gentilezza, tutti risvegliano la sua simpatia. Indossa gli abiti da festa. Manda un ragazzo a comprare il tacchino più bello e più grosso che sia sul mercato e lo fa portare a casa di Bob, che certo non se lo aspetta. Incontra uno di quei signori che erano andati da lui la sera precedente per invitarlo a dare qualche cosa per i poveri, gli si avvicina, gli chiede scusa e gli dichiara di voler sottoscrivere una somma che lascia confuso e sbalordito l'altro uomo.
Alla sera, non so dirvi con quanta meraviglia del nipote, va a pranzare da questo, e partecipa alla festa famigliare. Il mattino dopo si alza presto perché vuole sorprendere il buon Bon Cratchit in ritardo. Difatti Bob, che ha festeggiato un po' troppo allegramente il Natale, non arriva molto puntualmente. Scrooge, che vuole divertirsi un po' alle sue spalle, lo investe con rimproveri, gli dice che la cosa deve finire, che non può più andare avanti così, e quando Bob è più spaventato che mai, gli dichiara... che gli aumenterà lo stipendio.


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

All'inizio del racconto trionfa la metamorfosi e l'instabilità delle forme col batacchio che assume sembianze umane del socio morto di Scrooge, e qui viene segnalata l'apertura della porta su un mondo perturbante e oscuro: nel viaggio attraverso il tempo e la coscienza che Scrooge si appresta ad affrontare, il contesto familiare e si fa evanescente e sconosciuto, divenendo fonte di terrore. Non vi è via di scampo all'esterno - miriadi di spettri volteggiano nell'aria - e neppure all'interno, dove gli oggetti divengono irriconoscibili e si dissolvono. Emblema dell'inafferrabilità e della perdita del senso è la fluttuazione dello spiritello dell'infanzia. La metamorfosi, l'indecifrabilità delle cose, l'instabilità della vita dell'uomo, è al cuore di questi racconti e Dickens ne sfrutta le parti. Il peso della realtà, di una possibile evoluzione tragica degli eventi, grava su ognuno di essi; tenendo abilmente in bilico le potenzialità positive e negative di ogni storia, lo scrittore riesce a modificare la crudezza del reale - e forse anche a suscitare fremiti di solidarietà umana. Alchimista della scrittura, trasforma la miseria in opulenza, la fame in sazietà, la tristezza in canto, imponendo l'ultima finzione a noi lettori, quella del lieto fine.


Attraverso questa trama, chi legge, ripercorre il tempo dell'infanzia, della giovinezza e della maturità, scorgendo, nelle immagini di sé del passato, l'insorgere della durezza e della disumanizzazione; nell'ultima tappa, con la visione del futuro che lo attende, interviene lo spirito del Natale e la fiducia nella bontà dell'uomo, che consentono a Dickens, almeno sulla carta, di pronunciare un messaggio di speranza.

Il racconto possiede tutti i pregi dei migliori romanzi di Dickens, vivacità di stile, varietà di caratteri, caldo sentimento umano, umorismo; dei difetti non ha invece che qualche lievissima traccia. Esso può veramente dare un'idea della grandezza dello scrittore

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Charles Dikens (1812-1870) è stato il maggior narratore inglese del suo secolo.
Inventore del romanzo sociale.
Tra le opere più note...
- I Circolo Pickwick
- Le avventure di Oliver Twist
- Casa desolata
- David Copperfield
- Grandi speranze
- Le due città
- Il nostro comune amico
- Racconti di Natale.





* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Conclusione: Un messaggio di speranza

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)