lunedì 23 febbraio 2009

IL FORMAGGIO E I VERMI - Il cosmo di un mugnaio del Cinquecento - Carlo Ginzburg


IL FORMAGGIO E I VERMI
Il cosmo di un mugnaio del Cinquecento
Carlo Ginzburg

1999* - Einaudi Editore

Collana - Storia Europea






Nei giudizi che vengono espressi su molte grandi figure, note o quasi ignote, della nostra storia si ritrova spesso il disagio derivante dalla necessità di risolvere l'apparente dilemma..., si tratta di uomini isolati che hanno saputo incidere un segno decisivo o, invece, delle espressioni più evidenti di un movimento più vasto quale rappresentano la punta?
Sono le catapulte che muovono la storia o gli altoparlanti che ne amplificano l'urlo?
I titani che sanno opporsi ai "potenti" o la punta visibile di un iceberg?

La risposta non serve semplicemente a preferire una interpretazione o l'altra del passato ma indica anche l'atteggiamento di fronte alle responsabilità e alle opzioni della propria vita.
Se i migliori nomi del passato sono dei singoli "eroi" chi non ha le "occasioni di grandezza" che colpa può farsene?
E poi non si può mica pretendere che tutti possiedano la stoffa del campione. Tanto di cappello a chi ce l'ha ma se a me manca di che mi possono rimproverare?
Anzi, forse è soltanto che non sono capitato a vivere nel punto storico favorevole. Questione di fortuna, altrimenti sarei "eroe" anche io!

Ma proprio in quest'ultima difesa si intravede l'equivoco: i luoghi della storia umana da chi e di che son fatti se la loro materia prima non sono anzitutto gli uomini, tutti gli uomini?

Anche l'isolamento psicologico di tanti precursori, che hanno saputo anticipare idee e soluzioni non ancora evidenti agli altri, è vera solitudine storica?
O invece la storia è una lunga marcia corale anche se alcuni trascinano con forza mentre altri a volte non sanno nemmeno trovare l'energia per procedere senza essere spinti?
E se è una marcia comunque fatta insieme, che alibi resta per chi vuole ritirarsi dicendo che tocca agli altri decidere, lottare, andare avanti?

Certamente vi possono essere situazioni storiche ben diverse tra loro e questa solidarietà di cammino non si esplicita sempre allo stesso modo sia perché le forze sociali in gioco non si presentano immuni da distorsioni, sia perché contrasti di tendenza obbligano a distinguere tra due linee opposte, quella della concentrazione del potere (a partire dalla concretezza delle sue leve economiche) e quella della partecipazione, con pari dignità, di tutti gli uomini alla creazione di un mondo nuovo.

In luoghi e tempi difformi i passi della storia saranno sommessi, in punta di piedi, oppure ingombranti, da far tremare i vetri. Non c'è però posto per semplici spettacoli..., ognuno, nella parte che sceglie, è attore.

I rassegnati a una vita "insignificante" che si sentono tagliati fuori, sperduti nella carenza di coesione, faranno bene a leggere i due aspetti della esemplare vicenda di Domenico Scandella detto Menocchio, nato e vissuto nel XVI secolo a Montereale (oggi Montereale Valcellina in provincia di Pordenone), mugnaio.
Un uomo poteva vantare tutte le giustificazioni per vivere nella conveniente quiete della propria "inutilità" storica e che ha saputo da un lato sostenere fino alla condanna al rogo il diritto di pensare con la propria testa e dall'altro esprimere la vitalità e la forza dell'autentica cultura popolare.
Un piccolo uomo qualsiasi che ha saputo essere uno strenuo difensore della libertà senza piegarsi di fronte alla prepotenza dei grandi del suo tempo (con i quali avrebbe voluto confrontarsi direttamente... "Ho ditto che se avessi gratia di andare avanti o il papa o un re o un principe che mi ascoltasse avrei ditto molte cose" - pag. 12), e insieme un portabandiera di tutta l'innumerevole schiera di ... "pover homini" oppressi, dai "superiori", sia economicamente (e con la complicità della chiesa... "et mi par che in questa nostra lege il papa, cardinali, vescovi sono tanto grandi et ricchi che tutto è de Chiesa et preti, et strusciano li poveri, quali se hanno doi campi a fitto sono della Chiesa, del tal vescovo, del tal cardinale" - pag. 12), sia con più sottili strumenti culturali (come l'uso nei tribunali del tempo di una lingua incomprensibile ai poveri quale il latino... "io ho questa opinione, che il parlar latin sia un tradimento de' poveri, nelle litte li pover'homini non sano quello si dice et sono strusciati, et se vogliono dir quatro parole bisogna haver un avocato" - pag. 12).

La cultura popolare di cui Menocchio è portavoce si intrinseca dialetticamente con i filoni di cultura dotta ma esprime, in forme ora chiare ora contorte, le aspirazioni di rinnovamento che scaturirono da millenarie attese di giustizia e che, se raramente raggiungono livelli esplosivi, sono sempre presenti.

Così Menocchio riesce ad esprimere la forza latente di una cultura popolare troppo spesso ignorata da quei cantori di eroi che li presentano isolati dal contesto storico come se fossero sbocciati per virtù propria o se, al massimo, le forze ideali emanassero dagli strati più elevati della gerarchia sociale procedendo a senso unico in discesa per vitalizzare gli individui "migliori".

Menocchio contraddice sia l'una che l'altra di queste due interpretazioni di comodo..., si erge solitario come una figura di grande statura morale ma non è avulso da un profondo filone di energie sotterranee nate da anonimo apporto collettivo e che egli sa captare ed esprimere anche se non le percepisce con chiarezza.

Capiva quanto la conoscenza fosse strumento di potere ("L'inquisitori non vogliono che sappiamo quello che sanno loro" - pag. 70) e cercava di farsene una propria anche utilizzando le minime possibilità che gli capitavano (si legge a sua accusa ... "ha la Bibia vulgare et si immagina fondarsi sopra di quella" - pag. 7 - e il pievano di Arba, che gli aveva confiscato diversi libri, deciderà di restituirne solo due o tre perché i rimanenti gli inquisitori "li vorano abbruggiar" - pag. 36).
Amava inoltre discutere le proprie opinioni e questo era ancor più grave scandalo..., l'inquisitore noterà che lo faceva addirittura senza arrossire ("predicare ed dogmatizzare non erubescit" - pag. 4).
In più osava criticare gli agi degli uomini di chiesa nell'esplicito desiderio "che non vi fusse tante pompe" (pag. 94).

Poteva bastare..., un uomo così era già un pericolo pubblico da eliminare. Ma addirittura Menocchio non si fermava a questo..., osava seminare pericoli ancora peggiori come la tolleranza, il rispetto dei diversi, il riconoscimento della dignità di tutti gli uomini...
"Sì come si combattessero insieme quatro soldati, duoi per banda, et uno s'una banda s'acostasse all'altra, non sarebbe egli un traditore? Così ho creduto che s'un turcho abbandonasse la sua lege facendosi christiano, facesse male, et così ancho credeva che un giudeo facesse male a farsi turcho o christiano, et ogn'uno a lasciar la sua lege" (pag. 145).
La tolleranza però mina in radice la sopraffazione e quindi merita il castigo, l'inferno.
Ma, ..."o Dio, dove può essere l'inferno e il purgatorio? Parendomi (...) che l'uno e l'altro sia qua sopra terra mentre viviamo" (pag. 145) e ..."il predicar che gli homini vivano in pace mi piace, ma il predicar dell'inferno (...) credo che sia marcantia, invenzione de homini che sanno più degli altri" (pag. 145).
E così venivano spuntate da Menocchio anche le armi tremende di sfruttamento e sopraffazione.

A chi toglie la linfa che sostiene i potenti cosa va riservato se non un castigo esemplare che serva di avvertimento e di minaccia contro chi avesse subito il contagio pestifero?
Meglio poi se la decisione viene condita con qualcosa di nobile..., sarà una bestemmia ma l'importante è che il coinvolgimento renda, o almeno copra, e, a nome dell'intera Congregazione del Sant'Uffizio, il cardinale di Santa Severina scrive (il 30 ottobre 1599) all'inquisitore friulano...
"Le dico per ordine della Santità di Nostro Signore ch'ella non manchi di procedere con quella diligenza che ricerca la gravità della causa, a ciò che non vada impunito de' suoi orrendi et esecrandi eccessi, ma co 'l debito et rigoroso castigo sia esempio agli altri in coteste parti..., però non manchi di eseguirlo con ogni sollecitudine et rigore di animo". (pag. 147).

Carlo Gizburg
Carlo Ginzburg, che ha consultato i rintracciati verbali del processo, ha scritto un saggio storico documentatissimo e appassionante che racconta la lunga persecuzione subita da Menocchio del quale riesce a indicare con lucidità la grandezza personale e la rivelatrice funzione storica.

Ci sono però - non per colpa di Carlo Ginzburg - due possibili errori di lettura che mi preme ricordare non tanto per mettere in guardia da ignoti pericoli chi volesse avvicinarsi con onestà (e quindi in questo caso con sufficiente capacità di retta interpretazione) quanto per tagliare le ultime vie di fuga a chi volesse considerare con "superiorità" la vicenda di Menocchio per respingere il vincolo d'impegno che inevitabilmente deriva da un confrontarsi con essa.

La scappatoia che resta in occasioni del genere è quella di smentire un discorso scomodo gettando la derisione su qualche particolare secondario nel tentativo di squalificare, da esso, tutto il resto.

Per Menocchio si può rifarsi a certe colorite immagini di cui egli si serve per formare i concetti che gli sono necessari nell'esprimere il bisogno di svincolarsi dalla "logica" delle classi dominanti e di intaccare la acritica schematicità di comodo.
Così è, per esempio, quando nega la semplificazione di una creazione intesa come decisione esterna di instaurare l'ordine sociale esistente che quindi non va discusso perché è voluto direttamente da Do che avrebbe costituito i principi e i sudditi.
Dirà un teste d'accusa...
"Io gli ho inteso a dir che nel principio questo mondo non era niente, et che dall'acqua del mare fu batuto come una spuma , et si coagulò come un formaggio, dal quale poi nacque gran moltitudine di vermi, et questi vermi diventarono homini" (pag. 62 - 63).
Menocchio però resta un grande uomo anche se non è un dotto teologo.
Quante volte capita di sentir disprezzare idee di tante povera gente solo perché espresse senza gli eleganti decori formali del linguaggio bene e delle sue manifestazioni concettuali?
La pignoleria della forma è spesso l'ultima arma di chi non è in grado di sostenere le proprie posizioni sul piano più sostanziale delle idee.
Ma ridere delle teorie di Menocchio è non voler vedere la ricchezza e la nobiltà di questo mugnaio friulano e respingere l'insegnamento più autentico per non rischiare di perdere la propria comodità interiore.

L'ultima via d'uscita, infine, per il lettore che vuole essere al sicuro dall'impegno personale è quella del relegare Menocchio in un periodo storico ormai superato e che non ha niente a che fare con i problemi di oggi.
E', il suo, un altro mondo dal quale non può più parlarci..., ci dividerebbe l'incomunicablità di due situazioni senza punti di contatto.

Messe così le cose si può contemplare l'eroe senza pericolo..., non ci tocca.

Ma è corretto manipolare così la realtà?
I problemi di fondo di Menocchio sono proprio così radicalmente diversi dai nostri?
Guardiamo cosa succede anche oggi al cattolico che critica le ricchezze e il potere della sua Chiesa, che vuole ragionare con la sua testa e sostenere pubblicamente le proprie idee anche se dissenzienti, che preferisce il rispetto dell'altro allo spirito di crociata.
I roghi della Santa Inquisizione ai nostri giorni sono esteriormente diversi ma la sopraffazione, la falsità, l'intolleranza sono sempre le stesse.

Per fortuna gente che per la libertà sa pagare di persona ce n'è ancora.
Anche per questo l'umile, insignificante Menocchio è ancora d'attualità.


_______________________________________________

7 commenti:

Melina2811 ha detto...

Sempre post di grande cultura..... complimenti. Maria

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)