domenica 21 giugno 2009

LE OPPOSIZIONI A FRANCO - Sergio Vilar


LE OPPOSIZIONI A FRANCO
Sergio Vilar

*1970 - Editore DENOE

Collana - Les lettres nouvelles



La dittatura fascista di Mussolini è durata in Italia venti anni..., quella nazista di Hitler in Germania dodici anni..., quella franchista di Franco in Spagna, instaurata con il determinante appoggio del fascismo italiano e dei nazismo tedesco, si è retta in piedi, in un mondo che nonostante tutto andava avanti, per oltre trenta anni.

In questi trent'anni la Spagna ha pagato caramente le conseguenze della guerra civile scatenata dalle forze di destra che hanno voluto opporsi con la forza delle armi alla spinta rinnovatrice e progressista delle grandi masse popolari. Le ha pagate in termini di arretramento e degradazione civile, sociale, politica ed economica.

Dopo la vittoria nella guerra civile, che ha provocato centinaia di migliaia di vittime, il franchismo trionfante ha scatenato nel paese una barbara e sanguinosa repressione (nel dicembre del 1939 erano rinchiusi nelle carceri spagnole oltre 300 mila prigionieri politici..., ancora nel 1963, ventiquattro anni, cioè, dopo la guerra civile, Julian Grimau è stato condannato a morte e barbaramente trucidato per aver partecipato alla difesa della Repubblica..., e nel 1965 è stato formato un tribunale militare speciale per giudicare Justo Lopez de la Fuente, responsabile di aver comandato la 36° Brigata Mista durante la guerra civile).

Francisco Franco
I trent'anni che sono trascorsi dalla caduta di Madrid sono stati trenta anni di violenta repressione fascista ma sono stati anche trent'anni di resistenza, che hanno dimostrato l'incrollabile volontà popolare di opposizione alla tirannia fascista del caudillo Francisco Franco.

A questa opposizione ha dedicato una inchiesta di eccezionale interesse il sociologo e giornalista spagnolo Sergio Vilar (Contro Franco. I protagonisti dell'opposizione alla dittatura, 1936-1970, edito in Italia da Feltrinelli, Milano 1970, pagg. 552). Sergio Vilar, che è studioso di formazione marxista, ha voluto tracciare il bilancio di trent'anni di opposizione alla dittatura, raccogliendo tutti i dati sulle forze che si battono per il rovesciamento del regime franchista. Egli si è recato a più riprese in Spagna (dalla Francia, dove vive per raccogliere dalla viva voce dei protagonisti della resistenza la testimonianza diretta della lotta che a tutti i livelli è ingaggiata per provocare nel paese una radicale trasformazione delle strutture politiche, economiche e sociali. Vilar ha ascoltato e raccolto le voci dei più significativi rappresentanti di questa opposizione in un arco politico che va dai comunisti, ai socialisti, ai cattolici progressisti, ai democristiani, agli inarco-sindacalisti, agli autonomisti baschi, fino all'esponente della destra José Maria Gil Robles, vecchio leader della CEDA (Confederaciòn Espanola de Derechas Autònomas), che nel 1936 fu uno degli ispiratori e dei promotori del complotto che sarebbe sfociato nel 'pronunciamiento' dei generali fascisti.

Questi protagonisti - operai e intellettuali, dirigenti politici e sacerdoti, sindacalisti - Vilar è andato a cercarli nelle principali regioni del paese, a Madrid, in Catalogna, in Andalusia, in Galizia, nel Paese Basco. II panorama che egli presenta al lettore è, quindi, quanto più possibile vasto, completo e rappresentativo, ed offre un quadro per certi aspetti inatteso dell'ampiezza e della profondità della opposizione al regime. Nelle grandi linee questa opposizione può essere suddivisa in tre periodi.

II primo periodo è quello degli anni successivi all'instaurazione della dittatura. Esso è caratterizzato dalla presenza sul suolo spagnolo di gruppi di guerriglieri contro i quali il regime procede ad una repressione spietata. La svolta nella seconda guerra mondiale fa sorgere l'illusione che le potenze della coalizione antifascista favoriranno il rovesciamento del regime di Franco. Ma le potenze occidentali (Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia) si affrettano a precisare congiuntamente che gli spagnoli dovranno liberarsi 'pacificamente'. Come nota il Vilar, la nota tripartita del 1946 "significa, in realtà, che queste potenze occidentali sono contro le azioni di guerriglia e che, in cambio, propongono di giungere ad un patto con la monarchia e con le destre liberali". Una svolta si ha nel 1948: le continue campagne di annientamento contro i guerriglieri consigliano i dirigenti a rifugiarsi in Francia. Ma, e questo è il fenomeno più interessante, altri nuclei della guerriglia si vanno reintegrando nella vita normale della società spagnola, allo scopo di mutare strategia e cominciare il lavoro di mobilitazione politica.

II secondo periodo è caratterizzato dall'azione dei gruppi antifascisti, che rappresentano ancora una minoranza attiva, per portare alla lotta la grande maggioranza della popolazione, che indubbiamente è contraria al regime fascista ma che è rimasta passiva per molti e comprensibili motivi. In questo periodo ai vecchi combattenti repubblicani si affiancano forze nuove, giovani che non hanno partecipato alla guerra civile e la cui crescente opposizione rappresenta la più bruciante condanna per il regime clerico-militare di Franco. Nonostante la durezza della repressione si diffondono gli scioperi, gli atti di boicottaggio, le manifestazioni studentesche e operaie. In prima fila nella lotta troviamo ancora una volta gli eroici minatori delle Asturie. Fatto nuovo della situazione spagnola è il progressivo passaggio su posizioni di opposizione di gruppi sempre più numerosi e rappresentativi del clero cattolico.

II terzo periodo, che è caratterizzato dalla saldatura delle vecchie e delle nuove generazioni, ha inizio nel 1962. Dalla seconda metà del 1961 cominciano i nuovi e grandi movimenti operai spagnoli..., sin dai primi mesi del '62 questi movimenti di sciopero diventano quasi permanenti ed è così fino agli anni settanta. Le forze sociali - scrive Vilar -, soprattutto quelle operaie, studentesche, intellettuali e altre che hanno origine dalle professioni libere, si sono legate alle attività politiche democratiche, sono riuscite ad aprire le prime brecce nel monolito della dittatura. A queste forze sociali fondamentali si sono unite recentemente quelle di alcuni settori borghesi, i quali, spinti dai loro interessi, hanno compreso che il buon andamento dei loro affari si registrerebbe di più in un regime democratico che, come è stato per tanti anni, all'interno del sistema autoritario.

"Siamo giunti ad un punto in cui l'inevitabile evoluzione politica della Spagna verso un regime democratico tende ogni giorno di più a realizzarsi. L'evoluzione è inevitabile per diversi motivi. Bisogna porre soprattutto in rilievo tre di queste cause...

a) l'inquietudine sociale ed economica, e direttamente o indirettamente politica, presente in tutte le classi della nostra società.

b) il graduale smembramento della dittatura, dovuto alla decomposizione e ai contrasti interni di alcuni gruppi di pressione che prima ne hanno reso possibile l'avvento e ora hanno cominciato ad abbandonarla.

c) la mobilitazione di massa portata avanti dai sindacati operai e dai partiti politici democratici.

"Lo sbandamento dei settori reazionari è un fatto ogni giorno più evidente. Da un paio d'anni è risaputo che in questi ambienti è diffusa una certa preoccupazione per il futuro. Naturalmente, tale inquietudine ha un valore ben diverso da quella che pervade l'opposizione".

II regime si regge solo sulla forza bruta. II processo di accelerato disfacimento, sempre più avvertibile in quegli anni, ha indotto le classi dominanti a cercare una soluzione di ricambio, a cambiare spalla ai loro fucile. Lo stesso caudillo si è dimostrato preoccupato di preparare il "dopo Franco", restaurando la monarchia e scegliendo il futuro re.

Gil Robles (1898-1980)
II ritorno sulla scena, in funzione di 'oppositori', di vecchi arnesi fascisti come Gil Robles e Ruiz-Gimenez, dimostra gli sforzi della borghesia di perpetuare il suo dominio in un mutato contesto istituzionale. Illuminanti a questo proposito le ammissioni di Gil Robles, uno degli uomini di fiducia del Vaticano, il quale riconosce che non è più possibile "tacitare le richieste di giustizia [delle masse lavoratrici] con ripetuti ricorsi alle forze armate" e sostiene perciò la necessità di radunare gli "uomini che pensano da democratici cristiani, per avere domani, se possibile, dei quadri pronti per la crisi del sistema attuale, che inevitabilmente si verificherà". Gil Robles è anche esplicito sulla politica da sostituire al franchismo... "una politica di centro è necessaria. Tale politica di centro deve giungere ad una coalizione di tutti gli elementi che lavorano in campo operaio, che organizzano il campo operaio, con la sola condizione che non abbiano la pretesa di far trionfare i principi della lotta di classe né del materialismo storico. Io sono disposto a intendermi con tutti coloro che rifuggono da questi due estremi". (Il che vuoi dire, come nota il Vilar, che "Gil Robles continua a presentarsi come democratico, ma a condizione che non si tocchino gli interessi della borghesia. Cosa vuole che facciano gli operai, se non progettare la lotta di classe? Oppure vuole che i lavoratori restino così, "ammaestrati"?").

In altre parole esisteva la minaccia rappresentata dall'estremo tentativo delle forze più retrive della società spagnola di compiere una manovra trasformista sotto il manto dell'Opus Dei e della sua nuova ideologia tecnocratica ed europeista.

Contro queste manovre conservatrici le avanguardie dei comunisti, socialisti e cattolici rivoluzionari dovevano stimolare le masse degli operai, prepararli a nuove forme di lotta in base a ogni situazione particolare. Il compito fondamentale era quello di preparare un'offensiva generale e di coordinare tutte le forze per lo sciopero politico generale di tutta la nazione che nella presente situazione avrebbe provocato il tracollo del regime franchista e opusdeista.

Gli obiettivi della lotta sono obiettivi democratici, che non porteranno il proletariato a deviare dal cammino verso il socialismo. A conclusione del suo stimolante lavoro Sergio Vilar ricorda molto opportunamente le parole di Lenin...

"Sarebbe un errore fondamentale pensare che la lotta per la democrazia possa sviare il proletariato dalla rivoluzione socialista o ostacolare e oscurare questa, ecc. Al contrario: così come non può esistere vittoria del socialismo se questo non realizza la piena democrazia, il proletariato non può prepararsi alla vittoria sulla borghesia, se non scatena una lotta in tutti gli aspetti, una lotta conseguente e rivoluzionaria per la democrazia".

E' un insegnamento di grande attualità, soprattutto per la Spagna, giunta finalmente alla stretta finale, alla vera libertà.



______________________________________________________

1 commento:

Yvy ha detto...

Caro amico, il tuo blog è molto speciale.

Bacio

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)