domenica 1 marzo 2009

FERNAND LÉGER

  
Fernand Léger nacque ad Argentan in Normandia nel 1881.

Dopo essere stato aiuto di un architetto a Caen tra il 1897 e il 1899 si trasferì a Parigi dove lavorò come disegnatore presso lo studio di un altro architetto, trascorrendo il tempo libero negli “ateliers libres” di Jean Leon Germe e Gabriel Fery ed alla scuola di Arti Decorative.

Partito da una pittura post-impressionista, si avvicinò ai modi fauves.

Insieme a Gleizes, Delaunay, Metzinger ed altri formò un circolo cubista, cercando una scomposizione più avanzata della figura.

Col gruppo espose al Salon des Indipendants del 1911.

Il discorso di Léger si sviluppava in modo piuttosto autonomo, dirigendosi forse verso la poetica futurista.

Di questo periodo voglio qui ricordare CONTRASTI DI FORME:

Mobilitato durante la Prima Guerra Mondiale, Léger riuscì ugualmente ad eseguire dei disegni e qualche quadro di soldati.

Finita la guerra, partecipò nel 1922 alla decorazione del padiglione dell’Esprit Nouveau a Parigi.

I dipinti di questo periodo furono influenzati dalla nuova poetica purista.

Nel 1923-24 collaborò alla realizzazione di un film sperimentale IL BALLETTO MECCANICO, di impostazione astratta, dove si utilizzavano oggetti veri al posto di cartoni animati.

Il decennio tra il 1930 e il 1940 lo vide impegnato in varie imprese…, grandi dipinti parietali per la Fiera Mondiale di Parigi, bozzetti per scenografie di balletti, cartoni per vetrate della chiesa di Assy.

Fernand Léger trascorse il periodo della Seconda Guerra Mondiale negli Stati Uniti.

Dopo la conclusione di questa l’artista tornò a dipingere in termini più figurativi come in OMAGGIO A LOUIS DAVID, terminato nel 1949.

Interessato al mondo variopinto del circo, Léger segue una vasta tela, LA GRANDE PARATA, una tra le sue ultime opere, eseguita nel 1954.

L’anno seguente Fernand Léger muore a Gif-sur-Yvette.



VEDI ANCHE
...


COMPOSIZIONE CON TRE FIGURE - Fernand Léger


DONNA CON CAFFETTIERA (Woman with coffee) - Paul Cézanne



DONNA CON CAFFETTIERA (1890 - 1895)

 Paul Cézanne
Museo d'Orsay di Parigi
Tela cm. 130 x 96


Un'impostazione monumentale come quella della DONNA CON CAFFETTIERA si trova raramente nei ritratti di Cézanne.
Abbandonata l'intensità espressiva dei ritratti degli anni 1860 - 1870, l'artista aveva dato inizio, intorno al 1877 ad una ricerca più lenta e pacata dell'immagine e della composizione.
Alla fine degli anni '80 egli si libera da ogni specifica individualizzazione.

In quest'opera, e in alcuni altri ritratti, Paul Cézanne supera il tradizionale gioco di orizzontali e verticali basando la composizione su un andamento obliquo.
Lo sfondo, costituito dalle ante di una porta e da una tappezzeria a fiori, è estremamente sobrio, così come il resto dell'ambiente in cui domina imponente la figura femminile.
I rapporti dimensionali tra la donna e lo spazio circostante creano, grazie alla semplificazione delle forme risolte con geometrica solidità, un effetto di solennità e di monumentalità.
Dolo la leggera torsione del volto spezza la rigorosa frontalità della figura.
Ma dal viso della donna non traspare nessuna emozione, nessun sentimento; la sua posa, con le mani sul grembo, non rivela alcuna sensibilità.

L'identificazione del personaggio è problematica.Si è pensato a Madame Cézanne, ma il confronto con altri suoi ritratti mostra come non vi sia un'effettiva somiglianza.
Più probabilmente si tratta di una contadina conoscente dell'artista.
La timidezza del pittore e la sua lentezza nell'esecuzione dell'opera (dovuta alla volontà di "dare forma") fanno pensare che i modelli venissero comunque scelti tra persone a lui più vicine.

Anche la datazione dell'opera risulta controversa.
Il figlio di Cézanne l'ha infatti datata al 1887.
Il Venturi ha invece posticipato l'esecuzione della tela all'inizio degli anni 1890 accostandola, per la semplicità sintetica dello stile, ai GIOCATORI DI CARTE.
Attualmente tutti gli studiosi sono propensi per la datazione tra il 1890 e il 1895.


L'opera, appartenuta a Josse Hessel, è poi entrata nella collezione di Auguste Pellegrin.
Passata a Jean-Victor Pellegrin essa è stata donata da questi e dalla moglie al Museo del Louvre nel 1956.
La tela è attualmente esposta al Museo d'Orsay.



CÉZANNE E ZOLA

Quasi coetanei, Paul Cézanne e Émile Zola (scrittore francese, caposcuola del romanzo naturalista) si erano conosciuti al Collegio Bourbon ad Aix-en-Provence.
Compagni di tutte le avventure giovanili, essi avevano stretto una profonda amicizia.
Quando, nel 1858, Zola si trasferì a Parigi, Paul Cézanne soffrì intensamente della sua partenza.
La decisione presa dal pittore dal 1881 di vivere a Parigi, fu in parte determinata dal desiderio di raggiungere l'amico.
Il legame tra i due si mantenne intatto sino al 1886, anno in cui lo scrittore pubblicò L'OEUVRE.
Il romanzo tratta della vita del pittore, Claude Lantier, il cui carattere presenta molte somiglianze con quello di Cézanne.
Con toni drammatici e dolorosi, ma senza disprezzo, Zola narra il suicidio di Lantier davanti ad un'opera che non sa portare a termine per impotenza creativa.
Paul Cézanne fu profondamente ferito da queste vaghe allusioni e della sua amicizia con Émile Zola non rimase che il ricordo dei "vecchi tempi".




VEDI ANCHE ...



Gramsci e la cultura contemporanea - Editori Riuniti



STUDI GRAMSCIANI



Gramsci e la cultura contemporanea

Editori Riuniti - Roma

Istituto Gramsci 1969

Pagine 558









Gli atti del Convegno internazionale di studi gramsciani, tenutosi a Cagliari dal 23 al 27 aprile del 1967 in occasione de trentesimo anniversaRIO DELLA MORTE DI Antonio Gramsci, e che sono stati raccolti nel volume GRAMSCI E LA CULTURA CONTEMPORANEA, rappresentano un utile tentativo di dare un quadro della persona e dell'opera di Gramsci non più limitato alla sola cultura italiana contemporanea ma esteso a quella internazionale..., inoltre cercano di impostare i nuovi problemi derivanti dalla messa a fuoco di alcuni temi rimasti tutt'ora poco conosciuti, e che quindi richiedono un ulteriore approfondimento e sviluppo.

Questo Convegno rappresenta senz'altro un salto qualitativo nell'impostazione degli studi su Gramsci, soprattutto se paragonato al Primo Convegno del 1958 che, limitandosi ad un'analisi all'interno di un contesto storico culturale quasi esclusivamente nazionale, cadde in un limite di provincialismo assai simile a quello in cui era stato accusato Gramsci quando s' iniziò il processo di approfondimento critico della sua opera.

C'è, comunque, un punto di partenza comune, unitario, che fa da solido fondamento ai due momenti di ricerca e col quale ogni studio serio su Gramsci deve fare i conti, cioè la fondamentale relazione tenuta da Palmiro Togliatti al Convegno del 1958... "Il leninismo nel pensiero e nell'azione di Antonio Gramsci".

Togliatti, partendo dalla ricostruzione delle fonti leniniane che maggior peso avevano avuto nella formazione del pensiero di Gramsci e analizzandole alla luce dei concetti di "rivoluzione"..., "partito"..., e "funzione degli intellettuali" dimostrò come l'apparizione e lo sviluppo del leninismo sulla scena mondiale costituì il fattore decisivo di tutta l'evoluzione di Gramsci come pensatore e come uomo politico di azione.
Secondo Togliatti è soprattutto nella politica che bisogna ricercare l'unità della vita e dell'opera di Gramsci, il suo punto di partenza e il suo punto di arrivo.
E' quindi in una concezione del mondo non idealista e astratta, ma marxista, che si verifica nella pratica e da cui l pratica è costantemente illuminata che è da ricercarsi il filo conduttore unitario dell'opera di Gramsci, cosa che per altro Gramsci stesso aveva indicato - come ha messo in luce il Garin nella sua relazione del 1958 -, in alcune sue note metodologiche del 1933, quando aveva trattato il problema dello studio di "una concezione del mondo che dal suo fondatore non è mai stata esposta sistematicamente (e la cui coerenza essenziale è da ricercarsi non in un singolo scritto, o serie di scritti, ma nell'intero sviluppo del lavoro intellettuale vario, in cui gli elementi della concezione sono impliciti)".

La relazione presentata al Convegno di Cagliari dal Garin ("Politica e cultura in Gramsci [il problema degli intellettuali]"), tenendo ben presenti i temi centrali indicati da Togliate sviluppa e approfondisce principalmente tre questioni..., il problema della storicizzazione del pensiero di Gramsci nel contesto sia italiano che internazionale..., lo storicismo...., e le condizioni per cui lo storicismo di Gramsci si pone ancor oggi come vivo e operante.
La relazione del Garin, insieme a quella di Bobbio ("Gramsci e la concezione della società civile") è la più ricca di problemi e implicazioni e offre vivaci spunti per nuove discussioni e ricerche.

L'analisi di Bobbio verte principalmente sui concetti di struttura e di sovrastruttura e quindi dei rapporti tra essi intercorrenti, della relazione tra società civile e Stato.
Ma il pericolo insito nell'analisi di Bobbio, secondo il quale Gramsci privilegerebbe la sovrastruttura rispetto alla struttura e che porta a vedere in Gramsci il punto di inversione e di rottura rispetto al marxismo, piuttosto che di continuità creativa, è messo in luce e criticato da un intervento del francese Texier sulla relazione del Bobbio.
Non si può, infatti, porre l'originalità filosofica di Gramsci nella rottura e nell'abbandono di quelle che sono le tesi fondamentali del materialismo storico, ma piuttosto nello sviluppo creativo dello stesso e in particolare nello sviluppo della teoria delle sovrastrutture, senza che ciò comporti nessuna rinuncia alla fondamentale priorità della struttura.
Texier, il cui disaccordo con Bobbio è totale, sia dal punto di vista filosofico che filologico, gli rimprovera di non essere partito nella sua analisi della società civile dal concetto di "blocco storico" che è il solo che permette di cogliere l'unità della struttura con la sovrastruttura.
Infatti per Gramsci il blocco storico è formato dalle strutture e dalle sovrastrutture, cioè dall'insieme dei rapporti sociali di produzione che rilette un insieme discorde e contraddittorio di sovrastrutture.
Il blocco storico è insieme il fatto sociale, politico, culturale e ideologico..., non è solo un insieme di classi sociali ma di forze politiche.

Ponendosi anche come esigenza fondamentale quella dell'analisi dei rapporti tra i diversi livelli all'interno delle sovrastrutture, tra la forza e il consenso, tra la società civile e lo Stato, acquista immediato rilievo il concetto di egemonia che in Gramsci si pone in un rapporto di piena eguaglianza con quello di direzione, impedendo così ogni semplificazione ed impoverimento della stessa nozione della dittatura del proletariato.

Tutta l'analisi di Gramsci sul rapporto tra le classi subalterne e quelle dominati, la funzione assunta dal momento delle idee nel costruire un blocco storico, il fatto che la costruzione di una nuova concezione del mondo è momento essenziale dell'ascesa di una classe subalterna a dirigente, e poi egemone, tutto ciò dà largo spazio all'iniziativa politica e il partito politico rivoluzionario diventa decisivo nella determinazione dei processi storici.

Inoltre non potendosi assolutamente staccare lo studio su Gramsci dall'analisi dei rapporti col leninismo e dalla sua storicizzazione, oltre che dal suo inquadramento nella situazione politica dell'epoca, diventa particolarmente importante porre Gramsci in una giusta collocazione ella storia del socialismo e del movimento operaio internazionale.
E' questo quello che cerca di fare Ernesto Ragionieri nella sua relazione che ha come argomento "Gramsci e il dibattito teorico nel movimento operaio internazionale".
Due fattori principalmente caratterizzano il discorso di Ragionieri, uno positivo, e cioè il non staccare in Gramsci, strada peraltro che era già stata indicata da Togliatti, l'omo politico dal filosofo, il pensiero dall'azione..., l'altro negativo, e cioè l'estrema ambiguità del discorso politico dell'autore.

Per dare una giusta valutazione delle altre relazioni tenutesi nel Convegno, e che sono tutte di grande interesse, e che toccano i temi più svariati quali "Educazione e scuola in Gramsci" di Lamberto Borghi..., "Gramsci e i problemi della letteratura italiana" di Natalino Spegno..., la questione meridionale..., i problemi della scuola italiana..., la cultura sarda...., non bisogna dimenticare che, se in una personalità così ricca e aperta come quella di Gramsci, non è difficile ritrovare delle riflessioni su quasi ogni argomento, è tuttavia chiaro che tali riflessioni non possono essere staccate dai loro contesti e non possono essere considerate come contributi organici in campi specifici di ricerca.
Le osservazioni sui problemi di critica letteraria, di estetica, di pedagogia, rilevanti se connesse alla discussione politica sulla situazione storica dell'epoca, diventano estremamente vulnerabili, perdendo qualsiasi incisività, qualora vengano presentate come indagini autonome, e isolate da una concezione del mondo estremamente ricca e coerente.


VEDI ANCHE ...

PASSATO E PRESENTE - Antonio Gramsci

L'ORDINE NUOVO - Gramsci, Togliatti, Terracini e Tasca

GRAMSCI E MACHIAVELLI - Quaderni del carcere

VIVERE DA ANARCHICI - Armando Borghi e Vittorio Emiliani

____________________________________________________
Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)