venerdì 26 giugno 2009

CENA IN CASA DI SIMONE (Dinner in house Simone) - Pierre Subleyras

CENA IN CASA DI SIMONE (1737)
Pierre Subleyras (1699-1749)
Pittore francese
Museo del Louvre a Parigi
Olio su tela cm. 215 x 679



“La Maddalena ai piedi di Cristo in casa di Simone il Fariseo”, comunemente detta “Cena in casa di Simone”, è un'opera di grandi dimensioni caratterizzata da un composto e sobrio classicismo, che fonde insieme aspetti dell'arte francese con l'arte italiana.

La scena, affollata da numerosi personaggi, si snoda intorno al tavolo con un andamento orizzontale, dettato anche dalle dimensioni della tela.

Pierre Subleyras riesce a guidare, con estrema maestria, l'occhio dello spettatore, attraverso i vari commensali, fino all'episodio centrale della rappresentazione, che è spostato sulla sinistra.

La figura allungata di Cristo recupera il modello già sfruttato dall'artista in Penitenza.

I molti particolari realistici, come il cane in primo piano che rosicchia l'osso, il paniere pieno di vasellame, la tavola riccamente apparecchiata e alcuni bellissimi brani di natura morta, a volte, sono stati considerati dalla critica come aspetti che hanno conferito all'opera un carattere decorativo.

L'intento di Subleyras è, invece, quello di rinnovare la tradizione classica di Poussin.


L’OPERA

Pierre Subleyras dipinse questo quadro nel 1737 per il refettorio del convento di Santa Maria Nuova ad Asti.

L'opera rimase in questa sede fino al febbraio del 1798 quando fu trasferita nella basilica di Superga, presso Torino, al fine di evitarne la vendita, autorizzata da Pio VI insieme ad opere di altri conventi, per coprire le spese sostenute da Carlo Emanuele IV di Savoia nella guerra contro la Francia.

Nel 1799 fu portata in Francia, dove rimase nel Musée de l'École Française a Versailles fino al 1816.

In tale data fu spostata al Museo del Louvre, dove è oggi conservata…e da me ammirata.


VEDI ANCHE ...


Vita e opere di PIERRE SUBLEYRAS

________________________________________________________

Pierre SUBLEYRAS

Pierre SUBLEYRAS (1699-1749)
Pittore francese





Pierre Subleyras nacque il 25 novembre 1699 a Saint-Gilles-du-Gard in Langue-doc.

Terzo figlio del pittore Mathieu Subleyras e di Laurette Dumont, apprese il mestiere proprio dal padre, che lavorava nella città di Uzès.

A partire dal 1714, Pierre iniziò il suo apprendistato a Tolosa presso Antoine Rivalz, uno degli artisti più conosciuti della Langue-doc.

Trasferitosi a Parigi per studiare all'Accademia Reale, nel 1726 partecipò al concorso indetto dal duca d'Antin con il dipinto "Le serpent d'airain".


Tale concorso gli dette la possibilità, alla fine dell'ottobre del 1728, di andare a studiare a Roma presso l'Accademia di Francia.

Terminati i suoi studi, l'artista decise di stabilirsi a Roma, dove venne ammesso all'Academia di San Luca.

II 23 marzo del 1739, nella Cappella della Madonna in Santa Maria in Via, si sposò con Maria Felice Tibaldi, celebre miniaturista, sorella della compagna del pittore Trémolière.

Grazie al successo ottenuto con la "Cena in casa di Simone", Pierre Subleyras entrò nel giro degli artisti prediletti dalla corte papale e dalla aristocrazia romana.

Il cardinale Valenti Gonzaga gli commissionò la "Messa di Basile", che dal gennaio del 1748 fu esposta per circa tre settimane nella chiesa di San Pietro.

Da tale dipinto fu tratto un mosaico per la chiesa di Chartreaux a Termini.

Per motivi di salute, Subleyras trascorse un periodo di circa sette mesi a Napoli, dove dipinse più che altro ritratti.

Al suo rientro a Roma, le sue condizioni fisiche peggiorarono e si spense il 28 maggio 1749.


VEDI ANCHE ...


CENA IN CASA DI SIMONE - Pierre Subleyras
________________________________________________________

LA MACCHINA DEL TEMPO (The Time Machine) - Herbert George Wells

Herbert George Wells (1866-1946) è considerato il fondatore della fantascienza. Di origini modeste, riuscì a conseguire la laurea in scienze, e mise a frutto le proprie conoscenze in questo settore quando poi scoprì la propria vocazione di scrittore. Ha lasciato un gran numero di novelle e romanzi; e nell'ultima parte della sua vita si dedicò soprattutto alla saggistica, in cui riversò il suo appassionato impegno per i problemi sociali del suo paese, l'Inghilterra.

Data la sua intensa produzione, non ci si può certo aspettare che i suoi scritti siano perfettamente curati dal punto di vista stilistico. Ma questa non è certo la preoccupazione principale del lettore di fantascienza, il quale si aspetta soprattutto delle inattese invenzioni: e in questo, Wells non fu davvero inferiore a nessuno. Ogni suo racconto si basa su di una fantasiosa trovata, attorno alla quale la narrazione si distende con ritmo apparentemente tranquillo, ma mai prevedibile nei suoi sviluppi. Naturalmente, le sue conoscenze scientifiche non erano certo paragonabili a quelle odierne, e questo fa sì che, a volte, certi dettagli delle sue trovate ci appaiano 'ingenui': ma la sostanza è sempre avvincente, e conserva a distanza di tempo tutto il suo fascino. (Nel romanzo ho letto dei particolari curiosi: per esempio, la macchina del tempo è azionata meccanicamente da certe levette, e per farsi luce occorrono fiammiferi e candele..., l'azione è dunque ambientata in un momento in cui, non diciamo l'elettronica, ma neppure l'elettricità era entrata nell'uso.)

La letteratura di fantascienza non si esprime solo nella forma del romanzo, ma si fonda anche sull'ideazione di un "mondo possibile" alternativo rispetto a quello che ci circonda, in cui, come nelle favole, accadono eventi assolutamente inconsueti; con la differenza, però, che l'inconsueto non è prodotto da magia, ma è affidato a fantastiche invenzioni 'scientifiche'. Si tratta insomma, come dice la parola, di un miscuglio di scienza e fantasia. Spesso gli eventi raccontati vengono proiettati in un futuro più o meno lontano, in cui l'umanità viene posta (a seconda dei casi) in pieno rigoglio o in penosa decadenza; e naturalmente il diverso atteggiamento dell'autore corrisponde ad una diversa valutazione circa gli effetti del progresso tecnologico, e circa la capacità dell'uomo di costruirsi un avvenire di benessere e libertà. Così, anche se la fantascienza sembra parlare di altri mondi, in realtà ci dice spesso delle cose dense di significato anche per il presente.

Questo è il caso di "La macchina del tempo" di Wells, pubblicato nel 1895, in cui l'autore immagina che il protagonista del racconto, citato col nome di Viaggiatore nel Tempo, sia riuscito a costruire una straordinaria apparecchiatura che consente di muoversi nel tempo, restando immobili nello spazio. Il pilota della macchina può così avanzare o arretrare liberamente nella dimensione temporale, osservando il mutare del paesaggio all'intorno, ed eventualmente scendendo ad esplorare il territorio.
Nel romanzo si immagina che il Viaggiatore nel Tempo (che racconta in prima persona le sue esperienze ad un gruppo di amici) abbia fatto il suo primo viaggio nel futuro, fermandosi nell'anno 802701.
La situazione che lo circonda è molto differente da quella attuale: la terra è abitata da due razze, entrambe discendenti dagli esseri umani di oggi, ma profondamente decadute.
La prima razza è quella degli Eloi: miti e gracili creature dal colorito roseo e dall'aspetto delicato, che vestono abiti leggiadri e passano il tempo a giocare e divertirsi. Sembrano esseri invidiabili, gli Eloi: ma a conoscerli meglio ci si accorge che la loro intelligenza è limitata, il loro linguaggio è in grado di esprimere soltanto emozioni elementari, e la loro capacità di provvedere a se stessi molto ristretta; essi si cibano esclusivamente di frutta, e abitano costruzioni evidentemente ereditate da una precedente civiltà più evoluta. Inoltre, appena scende la sera, gli Eloi hanno paura, perché dalle viscere della terra emergono i Morlocchi: esseri biancastri scimmieschi e mollicci, che trascorrono la vita affaccendati a produrre beni materiali nelle loro fabbriche sotterranee, uscendone soltanto per catturare gli Eloi, di cui si cibano. Questi ultimi sono dunque ridotti alla condizione di bestiame brado a disposizione dei ributtanti Morlocchi.

Come ci viene spiegato dall'autore medesimo, le due razze discendono rispettivamente dalla classe borghese e dalla classe proletaria: e se i secondi sono giunti ad un livello di totale abbrutimento, i primi non sono certo da meglio, nella loro semi-idiozia.
È chiaro che Wells, con questa trovata, ha voluto comunicarci dei messaggi che gli stavano a cuore, tra cui vanno indicati almeno i due seguenti. Innanzi tutto, un radicale pessimismo sul progresso dell'umanità, la cui stessa evoluzione biologica (si rammenti che il dibattito sulle teorie di Darwin era ancora assai vivo alla fine del secolo scorso) è messa in pericolo dalla mancanza di un adeguato atteggiamento culturale, che miri all'intelligenza delle classi sociali, anziché alla loro divisione.
In secondo luogo, Wells ci trasmette una sua risentita visione politica, attraverso la quale ci comunica che la contrapposizione delle classi sociali finirà per produrre danni generalizzati: nel senso che persino coloro che ora stanno meglio (i borghesi) agiscono in modo tale da accrescere i conflitti sociali, distruggendo il benessere dei propri discendenti. La prospettiva è ovviamente agghiacciante, così come letteralmente tale è la visione che l'autore propone verso la fine del romanzo: dove ci viene mostrata, in un futuro ancora più lontano, una terra ormai inerte e ricoperta di ghiacci, abitata da orrendi mostri, e senza traccia alcuna di umanità.
Al momento in cui si apre l'episodio, il Viaggiatore nel Tempo ha quasi concluso la sua esplorazione nell'anno 802701. Durante tale vicenda, egli ha simpatizzato con gli Eloi, se non altro perché essi sono i più deboli; un po' come noi proveremmo simpatia per un affettuoso e indifeso cagnolino.
Proprio per questo egli finisce per essere preso di mira dai Morlocchi, che catturano la macchina del tempo, chiudendola dentro una strana costruzione dalla forma di sfinge.
C'è anche una battaglia in corso dalla quale il protagonista fa strage di Morlocchi, difendendosi con una mazza di ferro.
Benché stanco e leggermente ferito, egli non ha tuttavia perso la speranza di ritornare.

Il Viaggiatore del Tempo conclude il proprio resoconto, lasciandomi perplesso. Il romanzo ha una coda imprevista: un amico del protagonista si reca a trovarlo per sapere come è andata a finire la storia, e non trova traccia né di lui né della macchina del tempo. Passano gli anni, ed il Viaggiatore non ritorna.
Che abbia deciso di restare in qualche istante del futuro o del passato?
Che gli sia successo qualche cosa?
Non lo sapremo mai....


Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)