mercoledì 20 ottobre 2010

BIANCANEVE E I SETTE NANI (Snow With and the Seven Dwarf) - Jacob e Wilhelm Grimm (Disegni da colorare)



BIANCANEVE E I SETTE NANI (Snow With and seven Dwarf)

Fiaba tedesca narrata da Jacob e Wilhelm Grimm.



S'era nel cuor dell'inverno, e i fiocchi di neve venivan giù dal cielo come tante piume.
Una Regina sedeva cucendo davanti alla finestra incorniciata d'ebano: mentre cuciva e guardava la neve sul davanzale, sì punse un dito con l'ago, e tre gocce di sangue caddero sulla neve.
Siccome il rosso stava proprio bene sul bianco della neve, la Regina pensò:
- Vorrei avere un figliolo bianco come la neve, rosso come il sangue e nero come l'ebano della finestra.
Poco dopo ebbe una figliolina che difatti era bianca come la neve e rossa come il sangue, e aveva i capelli neri come l'ebano: le misero nome Biancaneve.
Quando la bimba venne al mondo, la Regina morì.
Un anno dopo, il Re prese un'altra moglie: una bella donna, sì, ma fiera e superba, tanto che non poteva sopportar l'idea che ci fosse qualcuna più bella di lei.
Aveva uno specchio incantato e, quando ci si specchiava, diceva:

- Specchietto caro, specchietto degno,
la più bella chi è, di tutto il Regno?

E lo specchio rispondeva:

- Lo specchietto a voi s'inchina: la più bella è la Regina.

La Regina era tutta contenta, perché sapeva che lo specchio diceva la verità.
Intanto Biancaneve cresceva e diventava sempre più bella: quand'ebbe sett'anni, era bella come il sole. Un giorno la Regina interrogò lo specchio:

- Specchietto caro, specchietto degno, la più bella ehi è, di tutto il Regno 2

E lo specchio rispose:

- Lo specchio s'inchina a voi,
ma Biancaneve è più bella di voi.

La Regina si turbò, e diventò verde e gialla dall'invidia. Da quel momento, non poté più guardar Biancaneve che non si sentisse roder dentro dall'odio: e l'invidia e la superbia, che le cresce van nel cuore come l'erbe maligne, non le davan pace né giorno né notte.
Sicché un giorno mandò a chiamare il capocaccia e gli disse: - Piglia la bimba e portala nel bosco: non la voglio veder più: ammazzala e poi portamene il fegato e i polmoni, per provarmi che l'hai ammazzata davvero.
Il capocaccia ubbidì e portò la bimba. Ma quando tirò fuori il coltello da caccia e stava per bucare il cuore innocente di Biancaneve, lei cominciò a piangere:
- Caro capocaccia, lasciami la vita: io correrò per il bosco e non tornerò più a casa.
Era così bella, che il capocaccia n'ebbe compassione e disse: - Beh! Corri, corri pure, povera piccina! (Le bestie selvatiche ci penseranno loro a finirti! - pensava).
Eppure gli pareva d'essersi levato un gran peso dal cuore; a pensare di non aver da ammazzarla lui! Passava di lì, a salti, un cinghialetto: l'ammazzò, gli levò fegato e polmoni e li portò alla Regina, che, li fece cuocere col sale. Così quella cattiva li mangiò, e credette d'aver mangiato il fegato e i polmoni di Biancaneve. Intanto la povera piccina se ne andava nel gran bosco, sola sola, piena di paura, e guardava tutte le.foglie degli alberi, pensando a quel che poteva fare. Si mise a correre, e via via sulle pietre appuntite e tra le spine e tra le bestie selvatiche che le saltavano intorno senza farle niente di male, corse, corse, corse finché le ressero i piedi. Ma presto si fece buio, e lei vide una casina piccola piccola.
Entrò dentro per riposarsi. In quella casetta tutto era piccino, ma bellino e pulito quanto si può immaginare. C'era un tavolincino con la tovaglietta e sette piattini, ogni piattino col suo cucchiaino; poi sette coltellini e sette forchettine: e poi sette bicchierini. Alla parete c'erano sette lettini, uno accanto all'altro, con certi lenzuolini bianchi come la neve.
Biancaneve, che aveva tanta fame e tanta sete, mangiò da ogni piattino un po' d'erba e un po' di pane e bevve da ogni bicchierino una goccia di vino, perché non voleva prender tutto a una persona sola. Poi siccome era tanto stanca, provò ad entrare in uno di quei lettini, ma uno era troppo lungo, un altro troppo corto, nessuno era adatto: il settimo, finalmente, andava bene e lì rimase; fece la sua preghiera a Dio e si addormentò.
A notte fatta, arrivarono i padroni della casetta: erano sette nani di quelli che scavano i metalli nelle montagne. Accesero i loro sette lumicini, e, quando la casetta fu illuminata, il primo disse:
- Chi è stato a sedere sulla mia seggiolina?
- E il secondo:
- Chi ha mangiato nel mio piattino?
- E il terzo:
- Chi ha preso del mio panino? E il quarto:
- Chi ha mangiato della mia eroina?
- E il quinto:
- Chi ha bucato con la mia forchettina? E il sesto:
- Chi ha tagliato col mio coltellino? E il settimo:
- Chi ha bevuto dal mio bicchierino?
Allora il primo si guardò attorno, e vide che sul suo letto c’era una piccola buca, e disse:
- Chi è entrato nel mio lettino?
Gli altri accorsero e ognuno gridò:
- Anche nel mio c'è stato qualcuno!
Ma il settimo, quando andò a vedere il proprio letto, ci vide Biancaneve che dormiva. Allora chiamò gli altri, che vennero corsa e mandaron gridi di meraviglia. Quando ebbero preso i loro lumicini e gettato la luce su Biancaneve, cominciarono a gridare:
- Dio, Dio, Dio, com'è bella questa bimba!
E furon così contenti, che non la vollero svegliare e le lasciai continuare il sonno nel lettino. Il settimo nano dormì presso i suoi compagni, un'ora presso ciascuno e così passò la notte.
A giorno, Biancaneve si svegliò e quando vide i sette nani ebbe paura: ma loro furon tanto gentili, e domandarono:
- Come ti chiami?
- Mi chiamo Biancaneve - rispose lei.
- E come hai fatto a venire alla nostra casa?
Lei allora raccontò che la sua, matrigna l'aveva voleva fare ammazzare, ma il capocaccia le aveva lasciato la vita e lei era corsa per tutta una giornata, finché alla fine aveva trovato loro casetta.
Allora i nani dissero:
- Vuoi far le faccende per noi? Se tu vuoi cucinare, rifare i letti, lavare, cucire, ricamare e tener tutto pulito e tenere in ordine, allora puoi rimaner qui da noi e non ti faremo mancar di nulla.
- Sì, - rispose Biancaneve, - accetto di cuore.
E rimase da loro. Lei teneva la casa in ordine: loro, la mattin, andavano per i monti a cercar oro e altri metalli; poi, tornavano la sera e trovavan la cena imbandita. Durante la giornata, Biancaneve, restava sola e i buoni nanerottoli l’ammonivano:
- Sta' in guardia dalla tua matrigna! Presto verrà a sapere che tu sei qui: bada di non far entrar nessuno.
Ma invece la Regina, dopoché ebbe creduto d'aver mangiato il fegato e i polmoni di Biancaneve, pensava che lei era ormai la più bella e non si curava d'altro. Una volta andò davanti allo specchio e domandò:

- Specchietto caro, specchietto degno,
la più bella chi è, di tutto il Regno?

E lo specchio rispose:

- Lo specchio a voi s’inchina:
qui più bella è la Regina.
Ma fra i monti lontani lontani,
dove stanno i sette nani,
c’è Biancaneve, fulgida stella,
ch’è di voi mille volte più bella.

Allora si spaventò, perché sapeva che lo specchiò non diceva bugie: capì dunque che il capocaccia l'aveva ingannata e che Biancaneve era ancora viva. All'idea di non esser più lei la più bella di tutto il Regno, l'invidia non le dava pace; o pensa, pensa come avrebbe fatto ad ammazzare Biancaneve; quand'ebbe finalmente preso una risoluzione, si tinse la faccia e si travestì da vecchia rivendùgliola, sicché era impossibile riconoscerla. Così travestita, passò i sette monti per andare dai sette nani. Quando fu arrivata, bussò alla porta, e gridò:
- Bella mercanzia, da vendere, da vendere!
- Biancaneve s'affacciò alla finestra e disse:
- Buon giorno, buona donna: che avete da vendere?
- Roba bella, roba buona, - rispose quella. - Nastri di tutti i colori.
E tirò fuori un nastro di seta a colori.
- Una donna per bene come questa la posso far passare, pensò Biancaneve.
E, levato il paletto alla porta, comprò quel bel nastro.
- Come sei bella, bimba mia! - disse la donna. - Vien' qua, che il nastro te lo metta io alla vita, per bene.
Biancaneve non sospettò di nulla, si mise davanti a lei e si lasciò cingere il nastro, ma la vecchia strinse tutt'a un tratto con tanta forza, che Biancaneve si sentì mancare il fiato e cadde come morta.
- Ora, - disse la vecchia, - non sarai tu la più bella!
E detto questo, se n'andò via di corsa.
Poco tempo dopo, verso sera, tornarono a casa i sette nani, e figurarsi come si spaventarono vedendo distesa in terra la loro cara Biancaneve! Non si muoveva, non respirava; pareva proprio morta. La sollevarono, e vedendo ch'era stretta forte forte alla vita, tagliarono il nastro. Allora lei cominciò un po' a respirare e poi, a poco a poco, riprese i sensi.
Quando i nani sentirono quello ch'era successo, dissero:
- Quella vecchia rivendùgliola non era altro che la Regina. Sta' attenta, Biancaneve, e non far entrar nessuno, quando non ci siamo noi!
La cattiva donna, appena arrivata a casa, andò davanti allo specchio e domandò:

- Specchietto caro, specchietto degno,
la più bella chi è, di tutto il Regno?

E lo specchio rispose come prima:

- Lo specchietto a voi s'inchina;
qui più bella è la Regina.
Ma fra i monti lontani lontani,
dove stanno i sette nani,
c'è Biancaneve, fulgida stella,
ch'è di voi mille volte più bella.

Quando udì queste parole, lei si sentì agghiacciare dallo spavento, perché capì bene che Biancaneve era risuscitata. - Ma ora - disse - voglio pensar qualcosa che ti faccia morir per davvero!
E con le arti magiche che conosceva, fabbricò un pettine velenoso: poi si travesti e prese l'aspetto di un'altra, vecchia: così trasfigurata, passò i sette monti, andò dai sette nani, bussò alla porta e gridò:
- Bella roba, da vendere, da vendere!
Biancaneve s'affacciò e disse:
- Andatevene, io non posso far entrar nessuno.
- Ma guardare potrai, almeno! - disse la vecchia.
Così dicendo, tirò fuori il pettine velenoso e l'alzò. Alla bimba piacque tanto, che ne fu affascinata e aprì la porta.
Quando si furono intese sul prezzo, la vecchia disse:
- Ora ti voglio pettinar per bene.
La povera Biancaneve non pensò a niente di male e lasciò fare alla vecchia; ma appena questa le ebbe messo il pettine nei capelli, il veleno cominciò a far l'effetto e la bimba cadde tramortita.
- O bellezza miracolosa, - disse allora quella donnaccia, - stavolta è finita per te!
E se n'andò.
Per fortuna venne presto sera, e i sette nanerottoli tornarono a casa. Quando videro Biancaneve stesa in terra come una morta, subito sospettarono della matrigna: trovarono il pettine velenoso,
e appena glielo ebbero levato dai capelli, Biancaneve tornò in sé e raccontò quel ch'era successo. Allora essi l'avvertirono un'altra volta di stare in guardia e di non aprir la porta a nessuno.
Intanto la Regina, appena arrivata a casa, si mise davanti allo specchio e disse:

- Specchietto caro, specchietto degno,
la più bella chi è, di tutto il Regno?

E lo specchio rispose come prima:

- Lo specchietto a voi s’inchina:
qui più bella è la Regina.
Ma fra i monti lontani lontani,
dove stanno i sette nani,
c’è Biancaneve, fulgida stella,
ch’è di voi mille volte più bella.

Sentendo lo specchio parlar così, lei tremò tutta dalla rabbia e gridò:
- Biancaneve morirà, anche se ci dovessi rimetter la vita io!
Detto questo, entrò in una stanza segreta, dove non entrava mai anima viva, e lì dentro fece una mela tutta piena di veleno. Di fuori sembrava bellissima, bianca e rossa che faceva gola a vederla, ma chi ne avesse mangiato anche un pezzettino piccino piccino, sarebbe morto. Quando ebbe7fatto la mela, lei si tinse la faccia, e si travestì da contadina: e così passò i sette monti e andò dai sette nani.
Bussò: Biancaneve mise il capo fuor della finestra e disse:
- Non posso far passar nessuno: i sette nani me l'hanno proibito.
- Va bene - rispose la contadina; - troverò sempre da vender le mie mele. Anzi, te ne voglio regalare una.
No, - disse Biancaneve, - non posso accettar niente.
- O di che hai paura? Del veleno? - disse la vecchia. - Guarda: io taglio la mela in due: la parte rossa la mangi tu e quella bianca me la mangio io.
(La mela era fatta a malizia così: che soltanto la parte rossa era avvelenata).
Biancaneve se n'invogliò, e quando vide che la contadina ne mangiava, non seppe resistere: stese la mano e prese la mela avvelenata. Ma ne aveva messo in bocca appena un boccone, che cadde in terra morta. La Regina la guardò con un'occhiata feroce e disse:
- O bianca come neve, rossa come sangue, nera come l'ebano, questa volta i- nani non ti potranno resuscitare.
E quando la sera, a casa, domandò allo specchio:

- Specchietto caro, specchietto degno, la più bella chi è, di tutto il Regno?

Lo specchio finalmente rispose:

- Lo specchietto a voi s'inchina:
la più bella è la Regina.

Allora il suo cuore invidioso ebbe pace, quanta (s'intende) ne può avere un cuore invidioso.
Quando, la sera, i nanerottoli tornarono a casa, trovarono Biancaneve distesa in terra, senza fiato e senza vita. La sollevarono, cercarono per veder se c'era qualcosa di velenoso, la slacciarono, la pettinarono, la lavarono con l'acqua e col vino, ma non servì a niente. La cara bambina era morta, e morta rimaneva. La deposero in una bara, ci si misero intorno tutti e sette e la piansero per tre giorni. Finalmente la volevan seppellire, ma era ancora così fresca d'aspetto e aveva le gote così belle rosse, che loro dissero:
- Non si può, non si può seppellire sotto la terra nera!
E fecero fare una cassa trasparente, di cristallo, in modo che si potesse vedere da tutte le parti: poi ci scrissero in lettere d'oro il suo nome e che era una principessa. Finalmente misero la cassa sul monte e uno di loro stava sempre li a guardia. Anche le bestie s'avvicinavano e piangevano Biancaneve: venne una civetta prima, poi un corvo e da ultimo una colombella. Così, per molto tempo. Biancaneve giacque nella cassa senza guastarsi: sembrava, anzi, che dormisse, perché era ancora bianca come neve, rossa come sangue e di capelli neri come l'ebano.

Ora accadde che nel bosco capitò un principe, il quale si fermò alla casa dei nani per passarci la notte. Sul monte vide la cassa con dentro la bella Biancaneve e lesse quel che c'era scritto sopra a lettere d'oro. Allora disse ai nani:
- Datemi la cassa e ve la pagherò quanto volete.
Ma i nani risposero:
- Non la daremmo per tutto l'oro di questo mondo.
- Allora regalatemela - ribatté lui, - perché io non potrei più vivere senza veder Biancaneve. La onorerò e la terrò di conto come la mia cosa più cara.
Quando ebbe parlato così, i buoni nani si mossero a compassione di lui, e gli dettero la cassa. Il principe la fece metter sulle spalle dei suoi servitori e disse che la portassero via. Ora successe che i servitori inciamparono in un cespuglio, e, dalla scossa, il pezzo di mela avvelenata che Biancaneve aveva morso, le uscì di bocca. Poco dopo lei aprì gli occhi, alzò il coperchio della cassa, si sollevò: era resuscitata:
- Oh, Dio! - gridò. - Dove sono io mai?
E il principe, tutto contento, le disse:
- Sei presso di me.
Le raccontò quel ch'era accaduto e soggiunse:
- Tu mi sei cara più d'ogni altra cosa al mondo: vieni con me nel castello di mio padre e sarai mia moglie.
Biancaneve rispose di sì, andò con lui e fu preparato un magnifico sposalizio.
Alla festa fu invitata anche la perfida matrigna di Biancaneve, che, vestitasi splendidamente, andò davanti allo specchio e domandò:

- Specchietto caro, specchietto degno,
la più bella chi è, di tutto il Regno?

Lo specchio rispose:

- Lo specchietto a voi s'inchina:
qui più bella è la Regina.
Ma la giovin Reginella
è di voi mille volte più bella.

Allora la perfida donna scagliò una maledizione ed ebbe tanta paura, tanta paura, che non sapeva più che fare. Dapprima non voleva andare allo sposalizio, ma non aveva pace: sicché dovette uscire per veder la Reginella. Quando entrò nel palazzo, subito riconobbe Biancaneve e dallo spavento restò li senza poter muovere un passo. Ma già erano state messe al fuoco delle scarpe di ferro e furon portate nella stanza con le tanaglie, e messe davanti. a lei. Lei dovette infilarsi le scarpe arroventate e ballare, con quelle ai piedi, finché cadde morta.


COMMENTO ALLA FIABA

I fratelli Grimm raccolsero dalla viva voce del popolo le loro fiabe. Non, avevano intenzione di scrivere per i bambini, ma solo di effettuare studi sul folclore popolare, cioè sulle credenze e sulle abitudini di vita del popolo germanico.
Il risultato fu una raccolta di fiabe e leggende talmente belle che conquistò presto i lettori di tutto il mondo e ne poterono godere soprattutto i bambini.
In Biancaneve troviamo tatti gli elementi cari alla letteratura fiabesca: la matrigna, gelosa e invidiosa, la strega malvagia, la fanciulla bella e buona, e infime i nani, creature strane, custodi dei tesori favolosi che non possano e sanno usare.
La favola di Biancaneve ha fatto il giro di tutto il mondo e Walt Disney l'ha resa immortale in un cartone animato di rara bellezza accompagnato da musiche graziose, raffinate e squisitamente adattate all'argomento.





BIANCANEVE E I SETTE NANI

DISEGNI DA COLORARE
















Brontolo_____Grumpy




Cucciolo_____Dopey



















Dotto_______Doc






Eolo________Sneezy





Gongolo_____Happy
















Mammolo____Bashful



Pisolo_______Sleepy




I sette nani in gruppo



Brontolo è in disparte



Dotto consegna la chiave a Biancaneve



Biancaneve con gli animali del bosco



Biancaneve con l'uccellino in mano



Biancaneve con la mela in mano

Biancaneve che danza


Biancaneve e Brontolo



Biancaneve corre con gli animali


Biancaneve seduta sul pozzo


Biancaneve e gli animali del bosco


Biancaneve con i nani uno sopra l'altro



Biancaneve e il Principe Azzurro



Biancaneve, il Principe e l'uccellino



Biancaneve e il suo Regno


La regina sul trono


La regina con lo scrigno



La regina cattiva

La strega con la mela



La strega prepara la mela avvelenata


La regina prepara il veleno





BIANCANEVE E I SETTE NANI IN TUTTE LE LINGUE

Albanese: Borebardha dhe shtate xhuxhat
Coreano: 백설공주와 일곱 난장이
Croata: Snjeguljica i sedam patuljaka
Danese: Snehvide og de Syv Sma Dværge
Finlandese - Lumikki ja seitsemän kääpiötä
Francese - Blanche Neige et les Sept Nains
Gallese - Gywn Eirâ ac y Saith Bobl Bach
Giapponese - 白雪姫 (Shirayuki Hime)
Greco - Η Χιονάτη και οι Επτά Νάνοι
Inglese - Snow White and the Seven Dwarfs
Norvegese - Snehuit og de Syv Dvergene
Olandese - Sneeuwwitje en de Zeven Dwergen
Polacco - Królewna Śnieżka i Siedmiu Krasnoludków
Portoghese - Branca de Neve e os Sete Anões
Romena - Alba ca Zapada si cei sapte Pitici
Russo - Белоснежка и семь гномов
Spagnolo - Blanca Nieves y los Siete Enanos
Svedese - Snövit och de sju dvärgarna
Tedesco - Schneewittchen und die Sieben Zwerge
Ungherese - Hófehérke és a hét törpe





VEDI ANCHE LA RECENSIONE DEL CARTONE ANIMATO . . .

________________________________________________________

2 commenti:

Stella ha detto...

Loris ho riletto molto volentieri la fiaba di Biancaneve...sono ritornata bambina...
Grazie e bacio

Gabe ha detto...

è sempre piacevole leggere questa fiaba. Bravo Loris!

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)