venerdì 8 ottobre 2010

GIULIO CESARE

   


Cesare è il più grande genio politico e militare di tutti i tempi.
Nè Alessandro Magno nè Napoleone possono stargli a fronte.
Nell'uno la critica storica più recente ha riconosciuto un eroe, ma ne ha molto diminuito il talento politico e militare attribuitogli dalla tradizione: i suoi disegni politici erano grandiosi, ma chimerici..., le sue vittorie furono, in gran parte, opera dei suoi generali.
Nell'altro, il politico non fu certo pari allo stratego: se Napoleone fu un grande genio militare, sono innegabili gli errori politici, numerosi e gravissimi, ai quali egli dovette la sua caduta.
Prima di Cesare, Annibale fu, nel mondo antico, stratego grandissimo e politico abilissimo..., ma la sua abilità politica non trascende troppo il livello raggiunto da parecchi re e strateghi ellenistici.

Cesare fu un genio molto più universale: la sua opera non poteva essere effimera.
Egli fu, prima di Augusto, il vero fondatore dell' Impero romano..., Augusto non fu che un continuatore della sua opera.

Non è qui il caso di raccontare la vita di Cesare in tutti i suoi particolari.
Nato l'anno 102 avanti Cristo (la data proposta da Luciano Canfora sembra più probabile dell'anno 100 attestato dalla tradizione), il 13 del mese Quinctilis, che poi più tardi fu chiamato Julius in suo onore da un'antichissima famiglia patrizia, la gens Iulia, che si vantava di discendere da Iulo, figlio di Enea, ma da una madre plebea, fino a quarant'anni ebbe un "cursus honorum" comune.
Se anche un finissimo osservatore come Silla ebbe, il presentimento delle sue straordinarie capacità, quello che egli fece fino al consolato non trascende di troppo il livello del nobile romano ben dotato.
Le parole di vergogna e di rammarico che egli avrebbe pronunziate a trentadue anni davanti a una statua di Alessandro Magno.... "Alla mia età, egli aveva conquistato il mondo..., e io non ho fatto ancora nulla!"..., difficilmente sono autentiche; eppure adombrano la verità.
Partigiano deciso di Mario sotto la dittatura di Silla, complice di Catilina nella prima congiura, questore, edile, pontefice massimo, pretore, non dette ancora misura intera di sè: del resto, sapeva nascondere benissimo la sua ambizione profonda sotto un'eleganza raffinata, e preferiva esser noto a tutti, piuttosto che per la sua capacità, per la prodigalità e per l'amore dei piaceri.
Fin da giovane, fu, però, grande oratore: il più grande rappresentante degli attivisti, sobrio, preciso, elegante, come quegli oratori attici che egli, e quelli del suo indirizzo, avevano a modello.
La grande carriera politica di Cesare comincia con l'accordo segreto tra lui, Pompeo c Crasso, malamente detto primo triumvirato (60), che gli assicurò l'elezione al consolato per l'anno seguente (59): fu il famoso consolato "di Giulio e di Cesare", durante il quale fece votare una legge agraria e governò Roma senza collega (il povero Bibulo, sempre all'opposizione di ogni disegno di Cesare, si ridusse a non uscir più di casa).
Conseguenza del consolato fu il proconsolato delle Gallie, avvenimento capitale non solo della vita di Cesare, ma della storia di Roma.
Questo comando, datogli per cinque anni nel 59, gli fu. rinnovato ancora per cinque anni nel convegno dei triumviri a Lucca nell'aprile del 56: così egli potè governare per otto anni senza interruzione le Gallie e intraprendere e compiere la conquista della Gallia indipendente.

Le conseguenze della conquista sono incalcolabili.
Essa dette praticamente nelle mani di Cesare lo Stato romano: senza la conquista, non sarebbe mai diventato dittatore.
Com' è stato detto eccellentemente, "se a Roma, qualche anno dopo, Cesare potè apparire come un monarca, ciò avvenne perché egli aveva nella Gallia fatto trionfare un'idea imperiale".
Ancora più importante è il fatto che, romanizzando la Gallia, Cesare creava un potente antemurale contro le minacce barbariche.
Nessuno può dire quale sarebbe stato il destino di Roma, se la Gallia non fosse stata romana.
La conquista e la conseguente assimilazione della Gallia dettero all'Europa occidentale la sua forma moderna; e giustamente i Francesi, almeno i più intelligenti, pur ammirando in Vercingetorige l'eroe nazionale gallico, celebrano in Cesare il padre della loro civiltà, che è civiltà romana.

Dopo la conquista, Cesare si trovò a capo d'un esercito vittorioso che era il più forte e il più disciplinato che il mondo antico abbia mai conosciuto.
Morto Grasso a Carre nel 53, il conflitto tra i due triumviri superstiti era fatale: l'ideale politico di Cesare non poteva essere l'utopîa del "princeps civitatis", del "moderator rei publicae", vigilato dal senato, schiavo dell'aristocrazia, che Cicerone esaltava nel "De re publica" e Pompeo cercava d'incarnare nella realtà.
Non è qui il caso di esporre la lunga e complessa questione giuridica che portò al passaggio del Rubicone (10 gennaio 49) e allo scoppio della guerra civile, nè i vari avvenimenti di questa guerra: la sconfitta di Durazzo, le vittorie di Farsalo, di Tapso, di Munda.
Tornato finalmente a Roma nel 46, Cesare celebrò un quadruplice trionfo, sui Galli, sugli Egiziani, sugli Asiatici, su Giuba re di Mauritania.
Dittatore a vita, imperator a vita, in tre anni svolse una prodigiosa attività riformatrice, soprattutto in senso sociale.
Altre maggiori riforme preparava, insieme con la guerra contro i Parti, quando fu ucciso da una congiura di vecchi repubblicani e di cesariani malcontenti (idi di marzo del 44).
Tutti gli imperatori, Augusto per il primo, prendendo il nome di Cesare, si dissero implicitamente suoi eredi e continuatori: riconobbero, cioè, in lui il vero fondatore dell' Impero.

Della grandezza di Cesare scrittore, nessuno ha mai dubitato.
Il suo avversario politico Cicerone, che per Cesare non ebbe mai simpatie sincere, ammirò certo sinceramente i suoi "Commentarii"...., "nudi, venusti, tamquam veste detracta" li giudicava; e tali veramente sono.
E aggiungeva... "Egli voleva fornire ad altri la materia per scrivere la storia; ma soltanto sciocchi senza gusto potrebbero accogliere una tale offerta, per imbellettare quelle pagine. In realtà egli tolse a ogni uomo assennato ogni intenzione di scrivere: perchè niente è più gradito nella storia di quella pura e luminosa brevità".

I titoli comuni "De Bello Gallico", "De Bello civili" sono scolastici, e non risalgono oltre il Rinascimento.
I titoli autentici sembrano essere stati "Commentarii Belli Gallici", e "Commentarii Belli civilis"; oppure il titolo unico era "C. Iulii Caesaris Commentarii rerum gestarum", e ognuna delle due opere, aveva un sottotitolo: ""Bellum Gallicum" e "Bellum civile".
Al titolo "Commentarii" mal corrisponde il nostro "commentarii": esso non ha il senso comunemente attribuitogli di "memorie", ma significa: "note, appunti", come provano, tra l'altro, le traduzioni della parola greca negli scrittori greci.

Non si può dire con sicurezza quando il "Bellum Gallicum" fu scritto.
Ma è molto probabile che esso sia stata scritto non nei vari anni dal 58 al 52, a mano a mano che si svolgevano gli avvenimenti, ma tutto nel 52, dopo le vittorie contro Vercingetorige.
Certo, fu scritto in brevissimo tempo: "nos etiam quam facile alque celeriter eos perfecerit scimus", afferma Irzio; e della sua testimonianza non si può dubitare.
In sette libri, il "Bellum Gallicum" contiene la narrazione di sette anni di guerra..., il libro ottavo non è di Cesare, ma di Irzio.

Cesare non parla di sè volentieri, non si attribuisce eroismo nè genialità strategica, non esagera mai la parte da lui avuta negli avvenimenti.
Eppure, si sente tutta la sua grandezza dappertutto: nelle sue decisioni rapidissime, nelle sue esortazioni ai soldati, nell'eroismo che sempre i soldati dimostrano quando combattono in "conspectu Caesaris".
Basta uno scorcio, perchè baleni intera la personalità gigantesca del comandante, che tiene in pugno il suo esercito e ne sa ottenere tutto quello che vuole.
L'impassibilità di Cesare ha qualche cosa di grandioso e di misterioso.

Nessun odio egli ha per il vinto, ma nessuna pietà.
Basta ricordare come è annunziata la resa di Vercingetorige che col suo indomito valore aveva minacciato d'annullare la conquista gallica: "Vercingetorix deditur; arma proiciuntur".
Oppure la morte di Pompeo: "Alexandriae de Pompeii morte cognoscit".
Una tale impassibilità è grandezza, sia pur misteriosa e sovrumana grandezza.
Lo stile è antidrammatico, antirettorico: semplice, elegante, monumentale.
Tutto cose, sembra nascere dalle cose stesse.
Accanto alla vivacità drammatica e rude di Sallustio, alla dolce sonorità ciceroniana, lo stile di Cesare è originalissimo e singolarissimo.
Sallustio sarà imitato, Cicerone sarà imitato..., Cesare scrittore è inimitabile.
"Stile dà soldato" pare che definisse egli stesso il suo stile.
Ma la sua semplicità è semplicità voluta: benchè Cesare scriva in brevissimo tempo, lo stile è raffinato egli ha la raffinatezza suprema di chi disprezza gli ornamenti.
L'arte di Cesare sembra soltanto naturalezza..., ed è una fusione miracolosa di raffinatezza e di forza.
Perfino il purismo diventa in lui buon gusto, e buon gusto soltanto: se il linguaggio di Sallustio rivela qualche cosa di artificioso, di sforzato, di cangiante, quello di Cesare ha la purezza delle cose cristalline.


__________________________________________________________________________________

Nessun commento:

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)