giovedì 9 settembre 2010

FRANCESCO DI MANZANO - Storiografo e pittore friulano (Historian and painter)

    
 FRANCESCO DI MANZANO 1801-1895
Storiografo e pittore

ANNALI DEL FRIULI, ossia raccolta delle cose storiche appartenenti a questa regione
Autore - Francesco di Manzano
Argomento - Friuli Venezia Giulia

Sono una cronistoria dei principali avvenimenti prima della caduta del Patriarcato.



Nella scia dei ricercatori delle patrie memorie, fiorita nell'Ottocento friulano, percorso da entusiasmi nazionalistici e tesi politiche non certo confacenti per un'imparzialità di ricerche storiche, un posto particolare spetta al conte Francesco di Manzano, figlio del nobile Leonardo, già membro del Parlamento della Patria del Friuli.

Nato a Jassico, tra San Giovanni al Natisone e Cormons, vantava un albero genealogico dalle radici secolari: con una formazione culturale piuttosto disordinata, si dedicò agli studi storici locali verso il 1840 e li continuò, con pochi intervalli, fino agli ultimi anni della sua vita.

Non si mosse, se non saltuariamente, dalla sua casa natale, mise assieme quella raccolta di sette volumi di "ANNALI DEL FRIULI, ossia raccolta delle cose storiche appartenenti a questa Regione", scritti tra il 1850 e il 1879, che diventarono una specie di fonte inesauribile per tutti gli studiosi.
Sono infatti una serie fittissima di documenti che risalgono al periodo antecedente la caduta del Patriarcato (che terminò nel 1420 quando il Friuli passò dalla giurisdizione di Aquileia a quella di Venezia la Serenissima, ponendo così fine allo stato feudale del Patriarcato aquileiese), con una meticolosa elencazione cronologica di persone, di luoghi, di leggi, di istituti e di costumi..., il tutto con un'acuta osservazione personale.
I sette volumi sono il frutto di quarant'anni di lavoro certosino e pazienza instancabile: e Francesco di Manzano, con tutto questo materiale, potè pubblicare altri studi non meno importanti: Cenni biografici dei letterati ed artisti friulani dal secolo IV al secolo XIX, che si riferiscono a ben 720 personaggi della storia nostrana.


VEDI ANCHE . . . .

TRANQUILLO MARANGONI (Incisore friulano)

VIRGILIO TRAMONTIN (Incisore, pittore, disegnatore)

GIOVANNI BATTISTA CAVEDALIS (Ingegnere ferroviario)

GIULIO ANDREA PIRONA (Vocabolario Friulano)  

TEOBALDO CICONI - Poeta, commediografo drammatico e autore teatrale

FRANCESCO DI MANZANO - Storiografo e pittore friulano

VINCENZO JOPPI (Medico e bibliotecario italiano)

IRENE DA SPILIMBERGO (Pittrice friulana)

PACIFICO VALUSSI (Giornalista e politico)

JACOPO TOMADINI (Sacerdote musicista)

CATERINA PERCOTO - Scrittrice di novelle e racconti in lingua friulana)

PROSPERO ANTONINI (Storico e patriota italiano)

VALENTINO OSTERMANN (Il primo folclorista friulano)

GRAZIADIO ISAIA ASCOLI (Linguista friulano)

GABRIELE LUIGI PECILE Agronomo e politico italiano)

ANTONIO ANDREUZZI (Patriota friulano)

GIACOMO CECONI (Architetto friulano)

GIOVANNI MARINELLI (Geografo italiano)

OLINTO MARINELLI (Geografo friulano)

ARTURO MALIGNANI (Applicazioni in Friuli dell'energia elettrica)

RAIMONDO D'ARONCO e la sua opera liberty

BONALDO STRINGHER (Politico ed economista)

DOMENICO PECILE (Agronomo)

ANTONIO BATTISTELLA (Storiografo friulano)

PIETRO ZORUTTI - Poeta friulano

MICHELANGELO GRIGOLETTI (Pittore friulano)

LEONARDO ANDERVOLTI - Condottiero friulano nel Risorgimento - Lotta per la libertà

TINA MODOTTI (Fotografa)

GAE AULENTI (Architetta)
   

ANTROPOLOGIA - Ludwig Feuerbach

          

L'antropologia di Feuerbach

PREMESSA

Un primo aspetto dell'opposizione di Marx ad Hegel può venir formulato così: nella visuale hegeliana la filosofia si presenta come una riflessione volta alla comprensione-accettazione del mondo, nella visuale marxiana si presenta come un'impresa di comprensione - trasformazione.

Quando Marx dice che "la teoria diviene una forza materiale allorchè si impadronisce delle masse", che il compito della filosofia è quello di procedere alla critica della terra (delle condizioni Politico-sociali) dopo aver compiuto la critica del cielo (della religione e della teologia), quando dichiara che i filosofi del passato si sono limitati a cercar di intendere la realtà mentre ora si tratta di mutarla (e sottintende, più profondamente, che la realtà può essere intesa soltanto nella prospettiva del suo mutamento, ossia la conoscenza vale in funzione dell'azione e al tempo stesso le esigenze dell'azione indicano la linea e il senso secondo cui la conoscenza ha da compiersi)..., quando Marx fa queste affermazioni, si mette in conflitto non soltanto con la millenaria tradizione prehegeliana e aristotelica in base a cui la filosofia deve essere "visione", teoresi pura, sapienza autonoma scevra da rapporti con la pratica, ma si mette in conflitto con lo stesso Hegel il quale aveva, sì, connesso filosofia e mondo, ma - a parte ogni altra considerazione - aveva attribuito alla filosofia il compito di esprimere in forma di concetto la razionalità immanente di una realtà già fatta.

Negli anni in cui dal liberalismo radicale passa al comunismo (1842-47 circa), Marx propugna una "realizzazione della filosofia" che comporta la sua negazione" e viceversa. Il realizzarsi della filosofia significa razionalizzazione della realtà, emancipazione di un Proletariato formalmente libero ma di fatto assoggettato, costruzione di una nuova città umana più libera e consapevole; in questo processo si attua l'incorporazione delle istanze filosofiche nel mondo quotidiano, mentre ha luogo la soppressione o negazione della filosofia intesa come esercizio astratto del pensiero, come attività speculativa isolata.


LUDWIG FEUERBACH

Quello finora considerato è tuttavia solo un aspetto del rapporto Marx-Hegel, rapporto quanto mai complesso sul quale si è discusso moltissimo e molto ancora si discute; poichè, oltre agli elementi di radicale contrasto, figurano in esso elementi non trascurabili di continuità che rivelano un impegno di parziale recupero critico da parte di Marx. Come si prospetta dunque la posizione di quest'ultimo nei riguardi di Hegel? La risposta a questa domanda - che sarà per necessità estremamente sommaria e parziale - non può prescindere dal riferimento ad un altro pensatore:
Ludwig Feuerbach, nato a Landshut in Baviera nel 1804, vissuto quasi sempre in solitudine (da cui valse a trarlo per un momento la rivoluzione tedesca del 1848-49 quando gli studenti di Heidelberg lo vollero in quella università), e spentosi quasi in miseria nel 1872.
Sotto il Profilo filosofico, notevolissimo è il debito intellettuale di Marx e di Enges verso Feuerbach. Marx ha fatto tesoro della critica da lui mossa allo hegelismo seguendolo decisamente su questa via e approfondendone i contributi; ma ha poi - e di qui viene la superiore maturità della sua posizione - fatto valere contro lo stesso Feuerbach alcuni lati della lezione hegeliana la cui validità era sfuggita al pensatore di Landshut.
Feuerbach ha percorso interamente l'arco dell'esperienza hegeliana, partendo da una iniziale adesione, che lo poneva però già in contrasto con l'interpretazione accademica di destra, fino al distacco definitivo sfociato in un naturalismo umanistico lontano dalle posizioni originarie.
Nel complesso di obiezioni che egli è venuto rivolgendo al suo antico maestro, toccheremo qui soltanto. due punti di particolare rilievo.

Anzitutto Feuerbach respinge la pretesa della filosofia hegeliana di essere priva di presupposti, di voler far sorgere e giustificare tutto nel corso dell'esposizione, di non avere alle proprie spalle punti di partenza che precedano il discorso stesso.
Nel perseguire questo tentativo, Hegel pone all'inizio del suo sistema non alcunchè di particolare, che a sua volta rimanderebbe ad altro, bensì l'Essere indeterminato che costituisce appunto la prima categoria della sua Logica.
L'Essere hegeliano - in quanto vuoto di determinazioni - si converte o trapassa nel Nulla; a sua volta questo trapassare dà luogo al Divenire, e alle ulteriori categorie.
Senonchè, non sono forse dei presupposti, tacitamente assunti, il concetto di indeterminatezza e la rappresentazione stessa del trapassare?
Non è forse un presupposto il fatto che Hegel abbia cominciato con il puro Essere e non con l'essere sensibile determinato?
E se si toglie all'essere ogni determinazione - osserva ancora Feuerbach - non abbiamo forse un puro zero?

Feuerbach insiste sulla necessità per la filosofia di riconoscere dei presupposti rispetto al suo stesso discorso, e questi presupposti sono le cose esistenti "qui ed ora", intuite da un soggetto anch'esso esistente "qui ed ora".
Il "questo" in generale con cui nella "Fenomenologia dello spirito" Hegel inizia l'analisi della coscienza, è un falso "questo", un "questo" teoretizzato e astratto che nulla ha a che fare con la realtà singola e inconfondibile che ho qui davanti a me. (Notiamo per inciso che questa ed altre critiche anti-hegeliane del filosofo di Landshut mostrano una singolare parentela teorica - Per quanto situate in un contesto ideale del tutto differente - con le critiche anti-hegeliane di Kierkegaard, il pensatore danese precursore dell'esistenzialismo).

Le osservazioni precedenti conducono a quella che è l'obiezione capitale di Feuerbach. L'idealismo speculativo hegeliano è, a suo avviso, la "alienazione che la ragione fa di se stessa", il pensiero dell'uomo posto al di fuori dell'uomo.
Con un procedimento analogo a quello dell'alienazione religiosa, in cui l'uomo proietta qualità e aspirazioni e ideali propri in un ente divino fittizio, l'attività del pensante concreto viene qui trasposta in un Pensiero in assoluto (il Logos, l'Idea) dal quale la vita spirituale dell'uomo e il mondo della natura e della storia in genere vengano fatti dipendere. Ecco perchè Feuerbach ravvisa nell'idealismo di Hegel un grosso residuo di teologismo, anche se mondanizzato e immanentistico, ed ecco perchè definisce la Logica hegeliana "una teologia modernizzata e razionalizzata".

In Hegel, in altri termini, non sono gli uomini in carne ed ossa che pensano ed operano, ma piuttosto la Ragione o l'Assoluto che pensa ed opera in essi. Si avrebbe in tal modo un rovesciamento tra "soggetto e predicato", in conseguenza del quale il predicato non viene riferito al soggetto (ad esempio il pensare al complesso della personalità umana situata nel mondo), ma viene entificato o sostanzializzato come una realtà che ha il suo fondamento in se stessa e di cui il "soggetto" è ridotto ad una manifestazione.

Come dicevo, Marx ha largamente utilizzato la parte critica del pensiero di Feuerbach, ed ha parimenti tratto feconde suggestioni dal suo naturalismo antropologico che radica l'uomo nella natura e ne rivendica la materialità e corporeità, troppo spesso trascurate e svalutate dai filosofi.
L'uomo è il suo corpo, e il corpo - d'altra parte - è il corpo dell'uomo, cioè cosa umana e non semplicemente animalesca e ferina.
Feuerbach insorge contro la tradizione spiritualistica e idealistica che aveva risolto la realtà umana nell'anima, nella coscienza, nella razionalità.
Da un lato egli afferma che l'uomo è anche, e prima ancora, bisogno, appetito, sensibilità, emozione; dall'altro, afferma che l'uomo realizza la propria essenza nel legame vivente tra gli uomini, nel dialogo tra l'Io e il Tu, nel culto dell'Umanità che deve soppiantare il vecchio culto di un dio trascendente.
Un'eco della polemica feuerbachiana contro la pretesa di non partire da presupposti e di effettuare una deduzione autonoma, può esser colta in un passo della Ideologia tedesca, scritta tra il 1845 e il '46 da Marx in collaborazione con Engels, ma pubblicata solo nel 1932:

..."Questo modo di giudicare non è privo di presupposti.
Esso muove da presupposti reali... [che] sono gli uomini, non in qualche modo isolati e fissati fantasticamente, ma nel loro processo di sviluppo, empiricamente constatabile, sotto condizioni determinate".
E ancora...

" Essi [i presupposti] sono gli individui reali, la loro azione e le loro condizioni materiali di vita, tanto quelle che essi hanno trovato già esistenti, quanto quelle prodotte dalla loro stessa azione".

Quasi contemporaneamente, nelle pagine di un'altra opera di carattere polemico, "La sacra famiglia", Marx ed Engels rifiutano il mito di una Storia concepita come entità in sviluppo dotata di una sua volontà e di suoi scopi:

"La storia non fa niente, non possiede nessuna enorme ricchezza, non combatte nessuna battaglia.
E' l'uomo, invece, colui che fa tutto...; non è affatto la storia che si serve dell'uomo come mezzo per attuare i suoi finì, come se essa fosse una persona a sè...".

La concezione di una Storia che si fa mediante gli uomini (l'hegeliana "astuzia della Ragione"!), è una mistificazione che denuncia subito la sua origine metafisico-teologica.
Ciò che si dice "storia" è l'intreccio delle azioni umane, il risultata dell'affrontarsi dei progetti di uomini socialmente e storicamente condizionati.
Quindi, è facile vedere nelle parole ora citate l'influenza dell'opera demistificatrice di Feuerbach, la sua riabilitazione dell'uomo empirico e terrestre contro l'idealismo speculativo di Hegel.

In uno scritto anteriore, dal titolo "Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico", Marx aveva applicato lo schema critico feuerbachiano della inversione soggetto-predicato alle tesi giuridica-politiche di Hegel.
Questi affermava, nell'ambito dello spirito obiettivo e dell'eticità, la priorità logica dello Stato rispetto alla famiglia e alla società civile; in quanto incarnazione dell'Idea, lo Stato si realizza, secondo Hegel, nelle due "sfere finite" della famiglia e della società civile, onde quest'ultime sono in funzione dello Stato e non viceversa. Marx sostiene, al contrario, che è l'organizzazione sociale a costituire l'elemento attivo, l'elemento che è in grado di configurare un dato tipo di organizzazione politica e statuale.
Nella mistificata costruzione hegeliana, "la condizione [in questo caso la società] diventa il condizionato, il determinante il determinato, il producente il prodotto del suo prodotto" ...

Tuttavia Marx, pur avvalendosi della "Pars destruens" di Feuerbach e portandola avanti, pur riprendendo da lui non pochi suggerimenti, avverte i limiti della sua visuale, addebitabili sostanzialmente ad una mancata assimilazione di quanto di vitale vi era nello storicismo e nel dialettismo hegeliani. E tali limiti sono sottolineati in modo drastica sia nell'Ideologia tedesca sia nelle Undici Tesi, sia, con argomentazioni parzialmente diverse, nel saggio engelsiano del 1888 su Ludvig Feuerbach e il punto d'approdo della filosofia classica tedesca.

Il materialismo di Feuerbach non riesce a liberarsi dalle premesse gnoseologiche del materialismo e realismo vecchio stile, non è un materialismo della prassi.
Feuerbach intende l'intuizione sensibile come apprendimento immediata di un ente, apprendimento nel quale il senziente accoglie in modo sostanzialmente passivo la realtà esterna, laddove l'uomo non è una tabula rasa neppur ai livelli percettivi giù elementari.
Non esiste percezione che sia pura e semplice copia di una realtà esterna, poichè ogni sensazione o meglio percezione è attivamente influenzata da fattori pratico-vitali: vale a dire da abitudini, preferenze, attese, speranze e timori, scopi che ci prefiggiamo..., la cosa sensibilmente esperita è anche, al tempo stesso indissolubilmente cosa usata o da usare, cosa goduta o sofferta.
Non c'è pertanto conoscenza "pura", ma attività pratico-sensibile, "gnoseo-prassi".
Il percepire-conoscere è anche, intrinsecamente, un fare-progettare.

Inoltre Feuerbach oscilla tra il materialismo (con le insufficienze anzidette) e l'idealismo.
Il rapporto interumano, oltre ad essere concepito naturalisticamente come unità biologica della specie, è da lui visto alquanto astrattamente e idealisticamente come vincolo sentimentale di amicizia e di amore.
L'unione di Io e Tu non è integrata in una trama di relazioni intersoggettive che abbia a proprio fondamento l'attività produttiva e la posizione in cui i ceti e le classi vengono a trovarsi tra loro..., il dialogo inter-umano si compie al di fuori di una precisa socialità avente il proprio perno nel lavoro.
Per Feuerbach, il materialismo e storia sono del tutto divergenti".
Nella misura in cui egli è materialista, ignora o non valuta sufficientemente l'attività, la prassi, la storicità..., nella misura in cui prende in considerazione la storia, non è materialista: ossia non tiene nel debito conto la realtà della vita produttiva, le condizioni materiali di esistenza, gli antagonismi concreti che dividono gli uomini.


VEDI ANCHE ...

HEGEL - Tutte le date della vita in breve

HEGEL - La concezione dello stato etico

HEGEL - La cultura contemporanea

MARX E L’ECONOMIA – IL CAPITALE - DAS KAPITAL - Kritider politischen Oekonomie

IL CAPITALE - THEORIEN UBEN DEN MEHRWERT - Karl
 
PENSIERO POLITICO DEL XIX SECOLO – LIBERALISMO e SOCIALISMO

MATERIALISMO STORICO

UTOPIA di Thomas More

LA CITTA' DEL SOLE di Tommaso Campanella

IL CONTRATTO SOCIALE - Jean Jacques Rousseau - On The Social Contract

EMILIO - ÉMILE - Jean Jacques Rousseau

TRATTATO SUL GOVERNO - John Locke

SAGGIO SULL'INTELLETTO UMANO - John Locke

IMMANUEL KANT - Vita e opere

CRITICA DELLA RAGIONE - Immanuel Kant

CRITICA DELLA RAGION PURA: TEORIA DELLA DELLA RAGION PURA - Teoria della conoscenza

CRITICA DELLA LA RAGION PRATICA - TEORIA

CRITICA DEL GIUDIZIO - Immanuel Kant

KANT... e i post-kantiani Schelling, Fichte, Hegel   

Storia del pensiero filosofico e scientifico - Ludovico Geymonat

______________________________________________________ 
Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nobel (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciamanesimo (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)