giovedì 16 dicembre 2010

SCRITTI ECONOMICI (The Economic) - William Petty


SCRITTI ECONOMICI

The Economic

Scritti di Sir William Petty [1662]

Editore - Kessinger Publishing, Stati Uniti

Data di pubblicazione - 2007

Lingua - Inglese

Pagine 392






Le considerazioni dei primi economisti sulla natura della ricchezza condussero necessariamente i loro immediati successori ad affrontare il problema fondamentale dell'economia politica, ossia il problema del valore.
Infatti una volta affermato che la ricchezza di un dato paese è costituita non dall'oro e dall'argento, ma dalle merci e quindi dalle risorse umane (il lavoro) e naturali (la terra) disponibili, una volta sottolineato che l'oro e l'argento monetati svolgono la duplice funzione di mezzo di pagamento e di misura dei valori, resta evidentemente da sapere che cosa sia questo valore cui continuamente si fa riferimento.

I primi accenni ad una vera e propria teoria del valore si trovano, verso la fine del XVII secolo, sparsi nelle opere di William Petty, il medico-economista che Karl Marx definì “padre dell'economia politica”.
Il fatto che tali accenni sembrino in certo qual modo accidentali, nulla toglie al loro interesse, dato il nesso organico da cui sono legati e che dà loro il carattere unitario d'una teoria.

Ed ecco come Wiliam Petty definisce, nel suo “The Economic Writings Of Sir William Petty V2: Together With The Observations Upon The Bills Of Mortality” (1662), il valore - o come egli dice, il “prezzo naturale” - delle merci…

« Supponiamo che, per estrarre dalle miniere del Perù e recare a Londra un'oncia d'oro, un uomo -metta tanto tempo quanto è necessario per la produzione d'uno staio di grano: l'oncia d'oro sarà il prezzo naturale del grano.
Supponiamo ora che, in seguito alla aumentata produttività della miniera, due once d'oro richiedano lo stesso tempo già necessario per una sola: ne deriva che, a parità di condizioni, il grano non costerà in realtà più caro, ora che il suo prezzo è di 10 scellini lo, staio, di quanto non costasse prima, a 5 ».

In sostanza si dice (e il Petty più volte ritorna sulla questione) che il valore delle merci è dato dal lavoro necessario a produrle e che lo stesso si misura in quantità di tempo.


Quanto poi al “prezzo naturale” del lavoro, egli si esprimeva nei seguenti termini, dai quali è facile comprendere che per lui il valore del lavoro è dato dai mezzi di sussistenza necessari:

« La legge non dovrebbe accordare all'operaio che quanto gli è necessario per vivere: se gli si accorda il doppio, egli non esegue che la metà del lavoro di cui é capace e che senza ciò avrebbe fornito.
Ne risulta quindi per la società la perdita di un'eguale somma di lavoro ».


Sulla base di queste due premesse era inevitabile che la rendita della terra apparisse al Petty in forma non molto dissimile da quello che il socialismo scientifico chiamerà “pluvalore”.
Si prenda il caso di una terra coltivata a grano: il valore del grano è determinato dal tempo di lavoro richiesto per produrlo.
Ora se vi è una rendita, essa deve esser eguale al prodotto totale meno i salari e le sementi (se la si vuole esprimere in termini di prodotto)…, uguale alla quantità totale di lavoro meno quello che corrisponde al valore del lavoro e delle sementi (se la si vuole esprimere in termini di lavoro, anzi, come direbbe Marx, di “sopralavoro”).


Leggo qualche riga di William Petty…

« Supponiamo che un individuo possa eseguire con le sue stesse mani, su una terra di grandezza data, tutti i lavori agricoli indispensabili ... e che disponga delle sementi necessarie.
Quando egli avrà dedotto dal raccolto il grano per te sementi, per il suo consumo, nonchè quanto egli spende per procurarsi dei vestiti e soddisfare gli altri suoi bisogni naturali, il resto del grano costituisce, per l'anno in corso, la rendita fondiaria... ».

Qui voglio subito avvertire chi legge queste pagine che il Petty considera la rendita come la forma tipica di ogni plusvalore e che ad essa riconduce anche l'interesse del capitale.
E' questo un punto di vista che, come vedremo in seguito, ha avuto molta importanza nel pensiero economico del secolo successivo, soprattutto presso i Fisiocrati.


Tralascio qui gli altri numerosissimi spunti che si possono rintracciare nelle opere del Petty su questioni di vario interesse, per soffermarmi invece su una questione di metodo.
Il Petty infatti, non solo ha il merito di aver affrontato il problema del valore con rara coerenza, ma ha anche il grandissimo pregio di aver concepito l'economia politica come una scienza vera e propria, sul tipo delle scienze, naturali: egli infatti introduce nello studio dei fatti economici quella che egli chiama “aritmetica politica”, ossia l'analisi quantitativa dei fenomeni sociali.
Da questo punto di vista egli è anche il precursore della statistica ( * ).
Ma quel che soprattutto conta è il fatto che nei suoi scritti i fatti economici sono considerati al di fuori di ogni preconcetto metafisico e che d'altro canto ci si eleva al di sopra del mero empirismo dei pratici.
Quindi anche sotto questo profilo, il Petty merita lo appellativo di “padre dell'economia politica”.



* LA STATISTICA: SUA FUNZIONE E SUOI LIMITI

Premessa utile per una migliore comprensione della opinione.


La statistica è una scienza sociale che studia i fatti che hanno carattere collettivo, di massa; e li studia dal punto di vista della loro “quantità”.
A seconda del carattere dei fatti di cui questa disciplina si occupa, all'interno di essa si sono venute formando diverse branche, la più importante delle quali è costituita dalla statistica metodologica che studia in generale, indipendentemente dall'oggetto specifico dell'indagine, gli strumenti logico matematici necessari allo studio dei fenomeni di massa, al fine di offrire una visione riassuntiva di essi, che permetta di individuarne le relazioni, regolarità, leggi: come studiare, ad esempio, il movimento dei prezzi di un determinato paese, o il variare della statura di una certa popolazione, o l'aumentare o il diminuire della produzione.

Per studiare le variazioni intervenute nella statura degli uomini in un certo paese, ad esempio, si trova comodo utilizzare i dati forniti ogni anno dagli uffici della leva militare.
Ma questi dati ci dicono solo che la recluta Tizio era alto m. 1,68, la recluta Caio, m, 1,84 e così via.
Per procedere allo studio della statura devo ordinare ed elaborare questi dati: posso, ad esempio, fare una media aritmetica ponderata agendo in questo modo: se le reclute fossero per ipotesi 4000 così suddivise: 100 alte m. 1,58…, 1000 - alte m. 1,60…, 2000 alte m. 1.64…, 500 alte m. 1,70…, 400 alte m. 1,80, posso moltiplicare questi dati tra loro (1,58 x 100 =158…, 1,60 x 1000 = 1600 e così via)…, poi sommo questi risultati e divido il dato così ottenuto per 4000 che è il numero delle reclute: ottengo in questo caso una statura media di m. 1.65.
Questo è un dato sintetico che rappresenta tutti i dati in mio possesso e mi permette di fare dei confronti.
In questo modo si è venuti a sapere, ad esempio, che la statura media, alla leva, dei nati nell’anno 1855, in Italia, era di m. 1,62 …, mentre quella dei nati nell'anno 1927 era di m. 1,67.
A seconda che i metodi statistici elaborati dalla statistica metodologica vengano applicati a questo o a quel campo di indagine, si differenziano le varie branche di questa disciplina.
Si ha così una statistica demografica (che ha per oggetto la popolazione in generale, analizzandone la composizione, le cause di morte, la vita media specie con l'ausilio dei periodici censimenti), la statistica economica e finanziaria (che ha per oggetto la produzione, gli scambi, i prezzi, i salari il reddito nazionale ecc.) la statistica sociale (che riguarda l'amministrazione della giustizia, i culti, il lavoro, la previdenza, le elezioni ecc.).

Va però osservato che in rapporto con il decadere della scienza economica capitalistica, si è pervenuti da parte di alcuni statistici a posizioni radicalmente sbagliate nell'uso del metodo statistico e nella interpretazione dei risultati.
Si è pensato, ad esempio, da taluni, che la statistica si fosse tanto sviluppata da poter pervenire, da sola, attraverso la raccolta e la elaborazione dei dati riguardanti l'economia nazionale, a formulare le leggi di sviluppo.

Viceversa la sola raccolta ed elaborazione dei dati statistici non può portare a risultati siffatti.
In questi casi, si perde di vista il movimento reale della società.
Il ragionare “statisticamente” per medie statistiche, è utile, anzi indispensabile, ma anche pericoloso ove non ci sia la necessaria circospezione e un adeguato spirito critico.
Non è infrequente il caso che statistiche le quali sembrano rigorose e aggiornatissime (e che magari anche lo sono) diano un quadro falso di una situazione economica, inducendo a giudizi errati.
Faccio un esempio: la produzione di un anno in un determinato paese rivela in media un incremento rispetto all’anno precedente.
Si è subito tentati di parlare di ascesa economica di quel paese.
Ma può darsi invece che la situazione sia in realtà peggiorata, come nel caso che ad un forte aumento di certe produzioni non specializzate, ad esempio quella granaria, faccia riscontro una sia pur meno sensibile flessione nella produzione di acciaio, il che può significare una prospettiva di contrazione delle basi stesse dell'economia.

Bisogna poi armarsi di diffidenza di fronte all'uso che le classi dominanti, i loro governi e i loro “uffici-studi” fanno delle statistiche economiche.
A parte i casi di manipolazione e falsificazione vera e propria, spesso le statistiche sono redatte in modo tale da mettere in rilievo ciò che interessa mettere in rilievo, e da nascondere ciò che interessa tenere in ambra (“addomesticamento” delle statistiche).
Così pure: si sente spesso vantare un aumento del “reddito nazionale”…, ma nel computo di esso non si è tenuto conto, per esempio, del contemporaneo aumento della popolazione e, cosa ancor più significativa, non si fa sapere in che modo l'aumento di reddito si è ripartito tra cittadini o tra i principali gruppi sociali.
Ci si limita di solito a parlare di reddito nazionale complessivo e di reddito nazionale per abitante, ottenuto dividendo il reddito complessivo per il numero degli abitanti.
Troppo facile in verità e, soprattutto, troppo comodo!



________________________________________________
Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)