SprinTrade

Prova gratuitamente la nuova Griglia Weber!

Ciao {{First Name}},

Stiamo cercando dei profili che vogliono provare gratuitamente la nostra nuova griglia Weber GENESIS® E-310™. Sei stato selezionato come uno dei potenziali tester!

Registrati adesso e ricevi gratuitamente la nuova Griglia per barbeque Weber in cambio delle tue opinioni!

giovedì 5 febbraio 2015

TINA MODOTTI - Fotografa italiana (Italian Photographer )



Assunta Adelaide Luigia Modotti Mondini, meglio conosciuta come Tina Modotti (Udine, 17 agosto 1896 – Città del Messico, 5 gennaio 1942), è stata una fotografa e attrice italiana.


Siamo all'inizio degli anni Settanta a New York. Tina Modotti è l'unico autore italiano presente con alcune sue immagini nella neonata collezione fotografica del Museum of Modern Art: primi piani intensi di fiori e di volti, dettagli di oggetti comuni tesi verso I'astrazione, donne e bambini poveri tra povere cose in contrasti di bianco e nero raccolti dalla luce naturale... Era stato il sofferto legame sentimentale con il celebre fotografo americano Edward Weston a riportare quelle fotografie negli Stati Uniti. 
Ma di lei, in questi anni, non si conosce quasi nulla, se non la straordinaria bellezza del suo volto e del suo corpo immortalati nelle sapienti e seducenti fotografie del suo amante. Difficile sottrarsi al loro dispotico fascino, che senza dubbio ha alimentato un'attenzione anche pruriginosa nei confronti di una donna la cui vita rivela un percorso individuale fatto di
ricerca espressiva, amori e scelte militanti all'interno del movimento rivoluzionario internazionale, intrecciato con i più intensi e drammatici momenti della storia del suo tempo. 
Dopo vent'anni di oblio, Tina viene così riscoperta, come modella, amante e allieva di Weston, eppure le sue fotografie rivelano un'autonomia e una personalità "altra". 
Nel 1991 la delicata e sensuale fotografia Roses (da lei stessa stampata nel 1926) viene battuta all'asta da Sotheby alla cifra record di 165.000 dollari. A questa incredibile valutazione hanno contribuito biografie avvincenti che fanno di Tina una vera e propria leggenda (fotografa e rivoluzionaria), anche se vittima di stereotipi. 
Ma Tina a questo era già abituata in vita: in Messico era stata spesso oggetto della stampa sensazionalistica o di operazioni propagandistiche denigratorie.


Roses by Tina Modotti 
   
La notizia stessa della sua morte improvvisa (di infarto, in un taxi che la riportava a casa dopo una cena da Hannes Meyer il celebre architetto della Bauhaus, la notte del 5 gennaio 1942),se da un lato scuote gli ambienti intellettuali dove era conosciuta e amata, mette immediatamente in moto la stampa scandalistica di Città del Messico, che grida all'omicidio e vede nel suo ultimo compagno il mandante del delitto. 
La realtà è ben altra: la bella Tina, tornata in Messico da tre anni, dopo esserne stata espulsa nel 1930, era logorata da una vita vissuta troppo intensamente.


Tina Modotti, Chitarra, falce e cartucciera, 1927
    
Chi l'ha conosciuta la descrive donna gentile, sensibile, semplice, tenace e coraggiosa: 
"Ma non posso accettare la vita così com'è, troppo caotica, troppo inconscia. Ecco la ragione della mia resistenza, della mia lotta contro di essa. Cerco sempre di lottare per modellare la vita secondo il mio temperamento e le mie necessità, in altre parole metto troppa arte nella mia vita, troppa energia...". (lettera a Edward Weston, 7 luglio 1925). 
Un coinvolgimento ideale, utopico, totale verso la vita, unito ad una forte consapevolezza della propria personalità e ad un lacerante nomadismo che nasce dalla sua identità di emigrante. Temperamento e modestia: la sua militanza non sarà quella della leader, della pasionaria, ma quella - in prima linea - della quotidiana partecipazione ai rischi e ai sacrifici.


Foto by Tina Modotti
   
La sua ricerca fotografica, che interromperà bruscamente lasciando il Messico nel 1929, attinge forza, astrazione e poesia proprio dal suo travaglio interiore e dalla sua passione politica e artistica:
"Accetto il tragico conflitto tra la vita che cambia continuamente e la forma che la fissa immutabile".

Ripartirà da Udine - sua terra natale - solo negli anni Settanta, la riscoperta e la valorizzazione della sua fotografia, unita ad attenti studi per una ricostruzione più rispettosa della sua vita e della sua personalità. Qui Assunta Adelaide Luigia Modotti detta Tina era nata nel 1896 da una famiglia operaia e socialista, segnata da fame, miseria e debiti: il padre, come tanti friulani è costretto ad emigrare, come stagionale in Austria e quindi definitivamente in America, dove la sua numerosa famiglia lo raggiungerà nel 1913. 
Già in Italia Tina si era avvicinata alla fotografia frequentando lo studio dello zio, alla politica per averla respirata in casa, alla durezza del lavoro come operaia in una filanda dall'età di dodici anni.


Foto by Tina Modotti
  
A San Francisco condivide le difficoltà e il lento riscatto della sua famiglia, lavora e frequenta le filodrammatiche della comunità italiana. Il suo destino di operaia tessile si interrompe con l'incontro ad una mostra del giovane poeta e pittore franco-canadese Roubaix de l'Abrie Richey (Robo). Lo sposerà nel 1917 e trasferita a Los Angeles vivrà questo breve matrimonio tra frequentazioni bohémiennes e intellettuali nell'amore per l'arte. 
Di quel periodo rimane una fotografia che ritrae una giovane e bella coppia sullo sfondo di uno studio dall'atmosfera liberty: lei, in ginocchio su di uno sgabello, indossa un originale abito dipinto con motivi moderni e cuce un prezioso tessuto; lui, in una ampia camicia bianca da pittore, dipinge, su stoffa per l'appunto. 
Tina non sa stare senza far niente. Da vera autodidatta, non le manca lo spirito d'iniziativa per assecondare le sue tensioni artistiche: altre foto di questo periodo, questa volta di scena, la vedono attrice del cinema dl Hollywood, un'esperienza transitoria perché da lei ritenuta troppo commerciale. 
In questo ambiente conoscerà il già noto fotografo Edward Weston, presumibilmente subito affascinato da lei e forse ricambiato. Fatto sta che Robo morì improvvisamente di vaiolo nel 1922, durante un viaggio in Messico e Tina, che l'avrebbe dovuto raggiungere, si ritrovò per l'estremo saluto in un paese appena uscito da una rivoluzione, carico di aspettative e contraddizioni, di emigrati politici, di artisti impegnati. Lì deciderà di stabilirsi, lasciando così per sempre l'America nel 1923, in compagnia di Edward Weston e di suo figlio.


Foto by Tina Modotti (1927)

Altra svolta altro amore, vitale ma tormentato già nei presupposti. Weston infatti, che lascia la famiglia per lei, del Messico amerà il paesaggio è la luce, ma il progressivo coinvolgimento di Tina nella politica e nell'ambiente intellettuale del partito comunista messicano contribuisce al loro definitivo allontanamento nell'estate del 1926, quando il californiano torna a casa. In quei tre anni hanno però condiviso l'amore per la fotografia ed esposto insieme più volte: se l'attenzione alla luce e alle inquadrature sono comuni (e a lui deve i rudimenti tecnici), la scelta dei soggetti rivela differenze culturali profonde. 
Tina continuerà da sola a vivere della sua fotografia (ritratti, riproduzioni d'arte, fotografia sociale), aiutata dalla stima di artisti come Diego Rivera, David Alfaro Siqueiros, Clemente Orozco, mentre nella collaborazione con El Machete, organo ufficiale dei rivoluzionari, svilupperà quella adesione politica che segnerà tutto il resto della sua vita. Deve però affrontare le avversità della vita e la povertà, mentre la sua fama di fotografa cresce anche all'estero, negli Stati Uniti e in Europa.


Foto by Tina Modotti
   
Ancora amori, questa volta militanti come lei: lascerà il pittore comunista Xavier Guerrero ("questa è la lettera più difficile, più dolorosa e terribile che abbia mai scritto in tutta la mia vita") per Julio Antonio Mella, giovane intellettuale cubano e dirigente rivoluzionario. 
Riparato da pochi mesi in Messico, non sfuggirà alla morte ad opera di sicari del dittatore Gerardo Machado, complice il governo messicano che da tempo contrasta pesantemente I'attività dei comunisti. 
È la sera del 10 gennaio del 1929 e Tina è presente all'agguato: risponderà al lutto con l'indignazione, esponendosi in prima persona. Rifiuta compromessi e persino l'offerta di diventare la fotografa ufficiale del Museo Nazionale, perché per lei la fotografia è una forma di militanza e di denuncia. 
Sempre in quell'anno scrive a Weston: "Sento che, se devo lasciare il paese, gli devo almeno questo, mostrare quello che può essere fatto, senza dover risalire alle chiese coloniali, ai charros o alle chicas poplanas e robaccia del genere su cui la maggior parte dei fotografi indugia".
Ma a causa di manovre denigratorie viene ingiustamente accusata di aver partecipato ad un attentato contro il capo di Stato. 
"Chi l'avrebbe mai pensato eh? Una ragazza così gentile che faceva fotografie così carine di fiori e di bambini" (lettera a Weston, marzo 1930). 
Di lì a poco verrà espulsa dal paese e imbarcata su di una nave diretta in Europa.


Foto by Tina Modotti
  
Viaggio e destino saranno condivisi con Vittorio Vidali, un internazionalista di origine triestina, sebbene le loro strade si dividano temporaneamente una volta arrivati a Rotterdam. Tina prova infatti a stabilirsi a Berlino e a coniugare I'impegno politico e il lavoro di fotografa: ha portato con sé la sua macchina di grande formato, ma il mondo dell'informazione e della fotografia in Germania è ad una svolta, per l'avvento di una tecnologia più rapida. 
Nonostante una rete di contatti solidale qualcosa non funziona, il contesto è difficile: il vecchio continente, già ferito dalla prima guerra mondiale, si troverà presto ad affrontare le altre tragiche prove del secolo.
Durante la sua permanenza in Europa Tina non fotografa più (vende anche l'amata Graflex), mentre la sua partecipazione al movimento comunista la porta in pochi mesi a Mosca, dove raggiunge Vidali ed entra nelle fila del Soccorso Rosso Internazionale, che le affida diverse missioni all'estero (in Polonia, a Parigi). 
Nel frattempo il legame con Vidali, che diventerà il comandante Carlos del V Reggimento dei repubblicani in Spagna, diventa sentimentale, ma sarà un amore sottoposto ai continui rischi di una vita clandestina e della guerra civile in Spagna. Qui Tina è conosciuta con il nome di Maria e ricopre, tra il 1936 e il 1939 un ruolo di sostegno ed assistenza sanitaria nelle retrovie, infaticabile.


Foto by Tina Modotti
  
La disfatta le porta un nuovo destino di profuga, che cercherà di contrastare con la decisione di rientrare in Messico assieme al suo compagno. Il paese ora è diverso e più ospitale, l'emigrazione politica forte, il denaro poco. 
Sono questi gli ultimi anni di Tina, che torna ad essere un punto di riferimento e cerca anche di recuperare quel suo lavoro di fotografa che nessuno dei suoi vecchi compagni aveva dimenticato. 
La notizia della sua morte commuove sia gli ambienti intellettuali di tutta I'America Latina che la gente semplice: organizzazioni sindacali prendono il suo nome, lavoratori tessili danno il nome di Tina ai loro telai, a Città del Messico viene allestita una grande mostra retrospettiva delle sue fotografie.


Foto by Tina Modotti
    
Tina Modotti morì a Città del Messico il 5 gennaio 1942, secondo alcuni in circostanze sospette. Dopo aver avuto la notizia della sua morte, Rivera affermò che fosse stato Vidali ad aver organizzato l'omicidio. Tina poteva "sapere troppo" delle attività di Vidali in Spagna, incluse le voci riguardanti 400 esecuzioni. Più probabilmente quella notte Tina, dopo aver cenato con amici in casa dell'architetto Hannes Meyer, fu colpita da infarto, e morì nel taxi che la stava riportando a casa. La sua tomba è nel grande Pantheòn de Dolores a Città del Messico. Il poeta Pablo Neruda, indignato dalle accuse fatte a Vittorio Vidali, compose il suo epitaffio in cui è indicato anche lo sciacallaggio riferibile a quelle infamie; di questo componimento una parte può essere trovata sulla lapide della Modotti, che include anche un suo ritratto in bassorilievo fatto dall'incisore Leopoldo Méndez:

Tina Modotti hermana,
no duermes no, no duermes
tal vez tu corazon
oye crecer la rosa
de ayer la ultima rosa
de ayer la nueva rosa
descansa dulcemente hermana.

Puro es tu dulce nombre
pura es tu fragil vida
de abeja sombra fuego
nieve silencio espuma
de acero linea polen
se construyo tu ferrea
tu delgada estructura 

(Pablo Neruda, epitaffio dedicato a Tina Modotti)

"Tina Modotti, sorella non dormi, no, non dormi: forse il tuo cuore sente crescere la rosa di ieri, l'ultima rosa di ieri, la nuova rosa. Riposa dolcemente sorella. 
Puro è il tuo dolce nome, pura è la tua fragile vita di ape sopra il fuoco. Neve, silenzio, schiuma di polline d'acciaio  è stata costruita la tua ferrovia, la tua struttura sottile"



  
"Sul gioiello del tuo corpo addormentato ancora protende la penna e l'anima insanguinata come se tu potessi, sorella, risollevarti e sorridere sopra il fango". (Pablo Neruda)


VEDI ANCHE . . . .

TRANQUILLO MARANGONI (Incisore friulano)

VIRGILIO TRAMONTIN (Incisore, pittore, disegnatore)

GIOVANNI BATTISTA CAVEDALIS (Ingegnere ferroviario)

GIULIO ANDREA PIRONA (Vocabolario Friulano)  

TEOBALDO CICONI - Poeta, commediografo drammatico e autore teatrale

FRANCESCO DI MANZANO - Storiografo e pittore friulano

VINCENZO JOPPI (Medico e bibliotecario italiano)

IRENE DA SPILIMBERGO (Pittrice friulana)

PACIFICO VALUSSI (Giornalista e politico)

JACOPO TOMADINI (Sacerdote musicista)

CATERINA PERCOTO - Scrittrice di novelle e racconti in lingua friulana)

PROSPERO ANTONINI (Storico e patriota italiano)

VALENTINO OSTERMANN (Il primo folclorista friulano)

GRAZIADIO ISAIA ASCOLI (Linguista friulano)

GABRIELE LUIGI PECILE Agronomo e politico italiano)

ANTONIO ANDREUZZI (Patriota friulano)

GIACOMO CECONI (Architetto friulano)

GIOVANNI MARINELLI (Geografo italiano)

OLINTO MARINELLI (Geografo friulano)

ARTURO MALIGNANI (Applicazioni in Friuli dell'energia elettrica)

RAIMONDO D'ARONCO e la sua opera liberty

BONALDO STRINGHER (Politico ed economista)

DOMENICO PECILE (Agronomo)

ANTONIO BATTISTELLA (Storiografo friulano)

PIETRO ZORUTTI - Poeta friulano

MICHELANGELO GRIGOLETTI (Pittore friulano)

LEONARDO ANDERVOLTI - Condottiero friulano nel Risorgimento - Lotta per la libertà

TINA MODOTTI (Fotografa)

GAE AULENTI (Architetta)

2 commenti:

Stephanie ha detto...

Happy remembering all the good works/photos :-) You have a great day!

jaz io ha detto...

Stammi bene LOris!

Afrodisiaco (1) Aglietta (1) Albani (2) Alberti (1) Alda Merini (1) Alfieri (4) Altdorfer (2) Alvaro (1) Amore (2) Anarchici (1) Andersen (1) Andrea del Castagno (3) Andrea del Sarto (4) Andrea della Robbia (1) Anonimo (2) Anselmi (1) Antonello da Messina (4) Antropologia (7) APPELLO UMANITARIO (5) Apuleio (1) Architettura (4) Arcimboldo (1) Ariosto (4) Arnolfo di Cambio (2) Arp (1) Arte (4) Assisi (1) Astrattismo (3) Astrologia (1) Astronomia (3) Attila (1) Aulenti (1) Autori (7) Avanguardia (11) Averroè (1) Baccio della Porta (2) Bacone (2) Baldovinetti (1) Balla (1) Balzac (2) Barbara (1) Barocco (1) Baschenis (1) Baudelaire (2) Bayle (1) Bazille (4) Beato Angelico (6) Beccafumi (3) Befana (1) Bellonci (1) Bergson (1) Berkeley (2) Bernini (1) Bernstein (1) Bevilacqua (1) Biografie (11) Blake (2) Boccaccio (2) Boccioni (2) Böcklin (2) Body Art (1) Boiardo (1) Boito (1) Boldini (3) Bonheur (3) Bonnard (2) Borromini (1) Bosch (4) Botanica (1) Botticelli (7) Boucher (9) Bouts (2) Boyle (1) BR (1) Bramante (2) Brancati (1) Braque (1) Breton (3) Brill (2) Brontë (1) Bronzino (4) Bruegel il Vecchio (3) Brunelleschi (1) Bruno (2) Buddhismo (1) Buonarroti (1) Byron (2) Caillebotte (2) Calcio (1) Calvino (2) Calzature (1) Camillo Prampolini (1) Campanella (4) Campin (1) Canaletto (4) Cancro (2) Canova (2) Cantù (1) Capitalismo (3) Caravaggio (19) Carlevarijs (2) Carlo Levi (3) Carmi (1) Carpaccio (3) Carrà (1) Carracci (4) Carriere (1) Carroll (1) Cartesio (3) Casati (1) Cattaneo (1) Cattolici (1) Cavalcanti (1) Cellini (2) Cervantes (3) Cézanne (19) Chagall (3) Chardin (4) Chassériau (2) Chaucer (1) CHE GUEVARA (1) Cialente (1) Cicerone (8) Cimabue (4) Cino da Pistoia (1) Città del Vaticano (3) Clarke (1) Classici (26) Classicismo (1) Cleland (1) Collins (1) COMMUNITY (2) Comunismo (28) Condillac (1) Constable (4) Copernico (2) Corano (1) Cormon (2) Corot (9) Correggio (4) Cosmesi (1) Costa (1) Courbet (9) Cousin il giovane (2) Couture (2) Cranach (3) Crepuscolari (1) Crespi (2) Crespi detto il Cerano (1) Creta (2) Crispi (1) Cristianesimo (3) Crivelli (2) Croce (1) Cronin (1) Cubismo (1) CUCINA (9) Cucina friulana (2) D'Annunzio (1) Dadaismo (1) Dalì (5) Dalle Masegne (1) Dante Alighieri (8) Darwin (2) Daumier (6) DC (1) De Amicis (1) De Champaigne (2) De Chavannes (1) De Chirico (4) De Hooch (2) De La Tour (4) De Nittis (2) De Pisis (1) De' Roberti (2) Defoe (1) Degas (16) Del Piombo (4) Delacroix (6) Delaroche (2) Delaunay (2) Deledda (1) Dell’Abate (2) Derain (2) Descartes (2) Desiderio da Settignano (1) Dickens (8) Diderot (2) Disegni (2) Disegni da colorare (10) Disegni Personali (2) Disney (1) Dix (3) Doganiere (5) Domenichino (2) Donatello (4) Donne nella Storia (42) Dossi (1) Dostoevskij (7) DOTTRINE POLITICHE (75) Dova (1) Du Maurier (1) Dufy (3) Dumas (1) Duprè (1) Dürer (9) Dylan (2) Ebrei (9) ECONOMIA (7) Edda Ciano (1) Edison (1) Einstein (2) El Greco (9) Eliot (1) Elsheimer (2) Emil Zola (3) Energia alternativa (6) Engels (10) Ensor (3) Epicuro (1) Erasmo da Rotterdam (1) Erboristeria (7) Ernst (3) Erotico (1) Erotismo (4) Esenin (1) Espressionismo (3) Etruschi (1) Evangelisti (3) Fallaci (1) Fantin-Latour (1) Fascismo (26) Fattori (4) Faulkner (1) Fautrier (1) Fauvismo (1) FAVOLE (2) Fedro (1) FELICITÀ (1) Fenoglio (2) Ferragamo (1) FIABE (6) Fibonacci (1) Filarete (1) Filosofi (1) Filosofi - A (1) Filosofi - F (1) Filosofi - M (1) Filosofi - P (1) Filosofi - R (1) Filosofi - S (1) FILOSOFIA (55) Fini (1) Finkelstein (1) Firenze (1) Fisica (5) Fitoterapia (10) Fitzgerald (1) Fiume (1) Flandrin (1) Flaubert (4) Fogazzaro (2) Fontanesi (1) Foppa (1) Foscolo (6) Fougeron (1) Fouquet (4) Fra' Galgario (2) Fra' Guglielmo da Pisa (1) Fragonard (9) Frammenti (1) Francia (2) François Clouet (2) Freud (1) Friedrich (5) FRIULI (8) Futurismo (3) Gadda (2) Gainsborough (14) Galdieri (1) Galilei (2) Galleria degli Uffizi (1) Gamberelli (1) Garcia Lorca (1) Garcìa Lorca (1) Garibaldi (2) Gassendi (1) Gauguin (17) Gennaio (1) Gentile da Fabriano (2) Gentileschi (2) Gerard (1) Gérard (1) Gérard David (2) Géricault (7) Gérôme (2) Ghiberti (1) Ghirlandaio (2) Gialli (1) Giallo (1) Giambellino (1) Giambologna (1) Gianfrancesco da Tolmezzo (1) Gilbert (1) Ginzburg (1) Gioberti (1) Giordano (3) Giorgione (15) Giotto (12) Giovanni Bellini (10) Giovanni della Robbia (1) Giovanni XXIII (8) Giustizia (1) Glossario dell'arte (19) Gnocchi-Viani (1) Gobetti (1) Goethe (9) Gogol' (2) Goldoni (1) Gončarova (2) Gorkij (3) Gotico (1) Goya (11) Gozzano (2) Gozzoli (1) Gramsci (4) Grecia (2) Greene (1) Greuze (4) Grimm (2) Gris (2) Gros (7) Grosz (3) Grünewald (5) Guadagni (1) Guardi (6) Guercino (1) Guest (1) Guglielminetti (1) Guglielmo di Occam (1) Guinizelli (1) Gutenberg (2) Guttuso (4) Hals (3) Hawthorne (1) Hayez (4) Heckel (1) Hegel (6) Heine (1) Heinrich Mann (1) Helvétius (1) Hemingway (3) Henri Rousseau (3) Higgins (1) Hikmet (1) Hobbema (2) Hobbes (1) Hodler (1) Hogarth (4) Holbein il Giovane (4) Hugo (1) Hume (2) Huxley (1) Il Ponte (2) Iliade (1) Impressionismo (85) Indiani (1) Informale (1) Ingres (7) Invenzioni (31) Islam (5) Israele (1) ITALIA (2) Italo Svevo (5) Jacopo Bellini (4) Jacques-Louis David (9) James (1) Jean Clouet (2) Jean-Jacques Rousseau (3) Johns (1) Jordaens (2) Jovine (3) Kafka (3) Kandinskij (4) Kant (9) Kautsky (1) Keplero (1) Kierkegaard (1) Kipling (1) Kirchner (4) Klee (3) Klimt (4) Kollwitz (1) Kuliscioff (1) Labriola (2) Lancret (3) Land Art (1) Larsson (1) Lavoro (2) Le Nain (3) Le Sueur (2) Léger (2) Leggende (1) Leggende epiche (1) Leibniz (1) Lenin (7) Leonardo (43) Leopardi (3) Letteratura (22) Levi Montalcini (1) Liala (1) Liberalismo (1) LIBERTA' (28) LIBRI (23) Liotard (5) Lippi (5) Locke (4) Lombroso (1) Longhi (3) Lorenzetti (3) Lorenzo il Magnifico (1) Lorrain (5) Lotto (6) Luca della Robbia (1) Lucia Alberti (1) Lucrezio (2) Luini (2) Lutero (3) Macchiaioli (1) Machiavelli (10) Maderno (1) Magnasco (1) Magritte (4) Maimeri (1) Makarenko (1) Mallarmé (2) Manet (14) Mantegna (8) Manzoni (4) Maometto (4) Marcks (1) MARGHERITA HACK (1) Marquet (2) Martini (7) Marx (17) Marxismo (9) Masaccio (7) Masolino da Panicale (1) Massarenti (1) Masson (2) Matisse (6) Matteotti (2) Maupassant (1) Mauriac (1) Mazzini (5) Mazzucchelli detto il Morazzone (1) Medicina (4) Medicina alternativa (23) Medicina naturale (17) Meissonier (2) Melozzo da Forlì (2) Melville (1) Memling (4) Merimée (1) Metafisica (4) Metalli (1) Meynier (1) Micene (2) Michelangelo (11) Mickiewicz (1) Millais (1) Millet (4) Minguzzi (1) Mino da Fiesole (1) Miró (2) Mistero (10) Modigliani (4) Molinella (1) Mondrian (4) Monet (14) Montaigne (1) Montessori (2) Monti (3) Monticelli (2) Moore (1) Morandi (4) Moreau (4) Morelli (1) Moretto da Brescia (2) Morisot (3) Moroni (2) Morse (1) Mucchi (16) Munch (2) Murillo (4) Musica (14) Mussolini (5) Mussulmani (5) Napoleone (11) Natale (8) Nazismo (17) Némirovsky (1) Neo-impressionismo (3) Neoclassicismo (1) Neorealismo (1) Neruda (2) Newton (2) Nietzseche (1) Nievo (1) Nolde (2) NOTIZIE (1) Nudi nell'arte (52) Odissea (1) Olocausto (6) Omeopatia (18) Omero (2) Onorata Società (1) Ortese (1) Oudry (1) Overbeck (2) Ovidio (1) Paganesimo (1) Palazzeschi (1) Palizzi (1) Palladio (1) Palma il Vecchio (1) Panama (1) Paolo Uccello (5) Parapsicologia (1) Parini (3) Parmigianino (3) Pascal (1) Pascoli (3) Pasolini (3) Pavese (3) Pedagogia (2) Pellizza da Volpedo (2) PERSONAGGI DEL FRIULI (30) Perugino (3) Petacci (1) Petrarca (4) Piazzetta (2) Picasso (8) Piero della Francesca (8) Piero di Cosimo (2) Pietro della Cortona (1) Pila (2) Pinturicchio (2) Pirandello (2) Pisanello (2) Pisano (1) Pissarro (10) Pitagora (1) Plechanov (1) Poe (1) Poesie (4) Poesie Classiche (18) POESIE di DONNE (2) Poesie personali (16) POETI CONTRO IL RAZZISMO (1) POETI CONTRO LA GUERRA (18) Poliziano (1) Pollaiolo (4) Pomodoro (1) Pomponazzi (1) Pontano (1) Pontormo (1) Pop Art (1) Poussin (9) Pratolini (1) Premi Letterari (3) Prévost (1) Primaticcio (2) Primo Levi (1) Problemi sociali (2) Procaccini (1) PROGRAMMI PC (1) Prostituzione (1) Psicoanalisi (1) PSICOLOGIA (5) Pubblicità (1) Pulci (1) Puntitismo (3) Puvis de Chavannes (1) Quadri (2) Quadri personali (1) Quarton (2) Quasimodo (1) Rabelais (1) Racconti (1) Racconti personali (1) Raffaello (20) Rasputin (1) Rauschenberg (1) Ravera (1) Ray (1) Razzismo (1) Realismo (3) Rebreanu (1) Recensione libri (15) Redon (1) Regina Bracchi (1) Religione (7) Rembrandt (10) Reni (4) Renoir (19) Resistenza (8) Ribera (4) RICETTE (3) Rimbaud (2) Rinascimento (3) RIVOLUZIONARI (55) Rococò (1) Roma (6) Romantici (1) Romanticismo (1) Romanzi (3) Romanzi rosa (1) Rossellino (1) Rossetti (1) Rosso Fiorentino (3) Rouault (1) Rousseau (3) Rovani (1) Rubens (13) Russo (1) Sacchetti (1) SAGGI (11) Salute (16) Salvator Rosa (2) San Francesco (5) Sannazaro (2) Santi (1) Sassetta (2) Scapigliatura (1) Scheffer (1) Schiele (3) Schmidt-Rottluff (1) Sciascia (2) Scienza (8) Scienziati (13) Scipione (1) Scoperte (33) Scoto (1) Scott (1) Scrittori e Poeti (24) Scultori (2) Segantini (2) Sellitti (1) Seneca (2) Sereni (1) Sérusier (2) Sessualità (5) Seurat (3) Severini (1) Shaftesbury (1) Shoah (7) Signac (3) Signorelli (2) Signorini (1) Simbolismo (2) Sindacato (1) Sinha (1) Sironi (2) Sisley (3) Smith (1) Socialismo (45) Società segrete (1) Sociologia (4) Socrate (1) SOLDI (1) Soldi Internet (1) SOLIDARIETA' (6) Solimena (2) Solženicyn (1) Somerset Maugham (3) Sondaggi (1) Sorel (2) Soulages (1) Soulanges (2) Soutine (1) Spagna (1) Spagnoletto (4) Spaventa (1) Spinoza (2) Stampa (2) Steinbeck (1) Stendhal (1) Stevenson (4) Stilista (1) STORIA (68) Storia del Pensiero (81) Storia del teatro (1) Storia dell'arte (123) Storia della tecnica (24) Storia delle Religioni (47) Stubbs (1) Subleyras (2) Superstizione (1) Surrealismo (1) Swift (3) Tacca (1) Tacito (1) Tasca (1) Tasso (2) Tassoni (1) Ter Brugghen (2) Terapia naturale (18) Terracini (1) Thomas Mann (6) Tiepolo (4) Tina Modotti (1) Tintoretto (8) Tipografia (2) Tiziano (18) Togliatti (2) Toland (1) Tolstoj (2) Tomasi di Lampedusa (3) Toulouse-Lautrec (5) Tradizioni (1) Troyon (2) Tura (2) Turati (2) Turgenev (2) Turner (6) UDI (1) Ugrešić (1) Umanesimo (1) Umorismo (1) Ungaretti (3) Usi e Costumi (1) Valgimigli (2) Van Der Goes (3) Van der Weyden (4) Van Dyck (6) Van Eyck (8) Van Gogh (15) Van Honthors (2) Van Loo (2) Vangelo (3) Velàzquez (8) Veneziano (2) Verdura (1) Verga (10) Verismo (10) Verlaine (5) Vermeer (8) Vernet (1) Veronese (4) Verrocchio (2) VIAGGI (2) Viani (1) Vico (1) Video (13) Vigée­-Lebrun (2) VINI (3) Virgilio (3) Vittorini (2) Vivanti (1) Viviani (1) Vlaminck (1) Volta (2) Voltaire (2) Vouet (4) Vuillard (3) Warhol (1) Watson (1) Watteau (9) Wells (1) Wilde (1) Winterhalter (1) Witz (2) Wright (1) X X X da fare (34) Zurbarán (3)